Aurora Bado dell'Atletica Arcobaleno sabato 22 giugno ha conquistato il terzo posto sui 3000 m degli italiani allievi su pista di Agropoli (Salerno) con il tempo di 10'15"60. Il tutto al termine di una volata molto accesa, dove Aurora ha preceduto, con molta caparbietà, la lombarda Susanna Dossi (Pro Sesto), 10'15"94. La vittoria è andata all'emiliana Emma Casati (Atletica Piacenza), con 10'08"94. 

Un'avventura podistica di 400 chilometri suddivisi in otto tappe, dalle Alpi Marittime di Mendatica  fino al borgo marinaro, un gioiellino architettonico, di Portovenere  (La Spezia). Tappe anche di sessanta chilometri, con salite, pietraie e discese a perdifiato a accompagnare i 100 runner provenienti da tutto il mondo (Sudafrica, Russia, Cina). Il piemontese Silvio Pesce e la genovese (di Voltri) Laura Scardigli del Delta Spedizioni sono andati in testa nelle prime frazioni e hanno avuto il merito di crederci sino alla fine, anche se la cosa è stata durissima, complice l'esplosione del caldo. Nell'ultima tappa Pesce ha concluso in poco più di 7 ore, la Scardigli in undici. Tutti si porteranno nel cuore il ricordo di un'esperienza indimenticabile.

E in una giornata pirotecnica in quanto a risultati, ecco un altro acuto: questa volta parliamo di Matteo Oliveri (Maurina Imperia), che sabato 22 giugno vince il titolo italiano allievi a Agropoli con 4.60 nel salto con l'asta. Il saltatore sanremese, in grande giornata, vince con 4.60 davanti al lombardo Tommaso Zambreri (Atletica Rigoletto), 4.10 , e stabilisce il nuovo record ligure strappandolo  a sua maestà l'azzurro Corrado "Dino" Alagona!

Nella gara-monstre del lungo (dove la fuoriclasse Larissa Iapichino, figlia di Fiona May vince con 6.64, nuovo record italiano allieve e juniores), Chiara Smeraldo della Maurina Imperia trova il salto capolavoro e, con 6.12, conquista l'argento alle spalle dell'inarrivabile "pantera".  Non solo: Chiara stabilisce anche il nuovo record ligure di categoria, migliorandosi di 4 centimetri. Una grande soddisfazione anche per il sodalizio di Ponente. E la gara parla molto ligure, perchè Anabel Vitale (Arcobaleno Savona) è quarta con 5.78, dopo avere ottenuto 5.97 in qualificazione.

Sabato 22 giugno a Agropoli Davide Costa ha vinto il titolo italiano nel martello con la misura di 70.31, che lo colloca al settimo posto italiano di tutti i tempi. Una gara straordinaria del cussino, con la sequenza di nullo, 69.60; 67.99; 69.90; 70.31; nullo. L'allievo di Valter Superina ha aggiunto un'ulteriore perla a una carriera già ricca di successi. Netta la superiorità nei confronti di Gregorio Giorgis (Libertas Città di Castello), 67.52, e del lombardo Luca Ballabio, 67.09. Adesso Davide si è messo all'attenzione dei tecnici in vista del prossimo Festival della Gioventù Europea di Baku (Azerbaigian).

Sempre più lunghi i lanci di Ilaria Marasso. Sabato 22 giugno la martellista della Trionfo Ligure con la misura di 60.11 ha conquistato l'argento nei campionati italiani allievi in via di svolgimento nell'impianti Guariglia di Agropoli (Salerno).Solo la formidabile Rachele Mori ha fatto meglio di lei, con la misura di 68.43 che la proietta nell'èlite europea. Ilaria, in stato di grazia (aveva lanciato a 60.35 nella qualificazione)  ha ottenuto in due giorni due misure over 60 che davvero la mettono al topo della specialità in Italia.

Venerdì 21 giugno Yally Mamadou (Biocorrendo) ha vinto il Trofeo Mirabelli  di Mandrogne (Al), veloce corsa serale di 5,8 chilometri. I migliori liguri sono stati Alessio Ottonello (Corrinvallestura), sesto, e Silvano Repetto (Delta Spedizioni), ottavo. Silvano, ancora una volta, si è dimostrato instancabile (il giorno prima aveva vinto a Ceranesi).

La settima tappa  di Alvi Trail venerdì 21 giugno da Rezzoaglio fino a Castiglione Chiavarese è stata un'altra terribile, anche se affascinante impresa: 55 chilometri resi pesanti, oltre che dalle salite, dal caldo. Fra gli uomini si è messo in evidenza il sorprendente bresciano Davide Dalla Francesca, primo al traguardo della gara di 400 km in 7h21'33", ma Silvio Pesce conserva ancora la leadership della graduatoria. In campo femminile ancora prima Laura Scardigli (Delta Spedizioni), nonostante un errore sul percorso. A questo punto i leader della classifica hanno messo una seria ipoteca sulla vittoria finale, anche se occorrerà aspettare l'ultima tappa sabato 22 giugno con conclusione nel borgo marinaro di Portivebere (Spezia). 45 chilometri epici.  

Un pò di vista sul mare, un pò di "carruggio dritto", un pò di lungo Entella: la quinta Mezza Maratona di Chiavari by night  in programma sabato 22 giugno sul pittoresco circuito di "Ciavai" è tante cose. Cartolina dalla Liguria, ma anche livello tecnico, con Mohamed Rity (Delta Spedizioni), secondo l'anno scorso, che sembra intenzionato a ben figurare e se la vedrà soprattutto con Gebrehanna Savio della Cambiaso Risso, reduce dall'argento alla Valbisagno.La competizione prevede anche la staffetta 3x7 chilometri: come team spicca il "Grifo" con Emma Quaglia, Valentina Martorella e Giorgia Testa, tutte unite dalla passione genoana. Prevista anche la gara di sette chilometri con la brava Stefana Arpe (Atletica Levante).

Sabato 22 giugno è ghiotta l'occasione per Luminosa Bogliolo: l'alassina delle Fiamme Oro, infatti, gareggia nel Meeting Stanislas di Nancy (Fra) con l'obiettivo di guadagnarsi il miinimo di ammissione per il Mondiale di Doha, quel tempo di 12"98 che potrebbe scaturire dalla riunione francese, alla quale prendono parte atlete di levatura mondiale come l'inglese Cindy Ofili (12"60) e la belga Anna Zagrè (12"71). Forza Lumi!

Grandi progressi cronometrici, giovedì 20 giugno, per due alfieri della Duferco Spezia nella quarta prova del circuito Silver Lombardia a Bergamo: Andrea Del Sarto è giunto sesto sui 1500 m in 3'49"15, con il record personale. In una gara a alta tensione il runner figlio d'arte è riuscito a trovare l'occasione per un passo in avanti consistente sulla gara per eccellenza del mezzofondo. Vittoria di Soufiane El Kabbouri in 3'44"92. Molto bene anche la consocia Alice Franceschini, quinta nella gara analoga in 4'39"02, record personale. Qui si è imposta Martina Merlo in 4'21"15.