Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Amarcord Liguria-Pontevolpe ok

!4 giugno 2012. L'alessandrino Gianni Lonardo ha l'idea di dedicare una mezza maratona alla battaglia di Marengo. E' la grande giornata del cinquantenne Nino Pontevolpe, che vince la gara di mezza maratona in 1h19'28", tempo condizionato dal caldo. Vincere una gara del genere dopo avere festeggiato mezzo secolo non è da tutti; tanto più che Nino precede di pochi secondi un forte runner come il povero Andrea Bifulco, allora tesserato per la Corradini Rubiera, società dove mosse i primi passi l'olimpionico Stefano Baldini... 

Match test di Milano

Saranno ancora le distanze spurie il piatto più ricco del "Match test" in programma venerdì 26 giugno al campo 25 Aprile di Milano. Infatti, su questa distanza il Tac sarà reso attrattivo dalla presenza di Fausto Desalu, secondo italiano di sempre sui 200 con 20"13, e dell'azzurro Fderico Cattaneo, componente della 4x100 italiana che, recentemente, ha ritoccato il record nazionale. Nell'analoga gara femminile al via atlete di interesse nazionale come Linda Oliveri, Linda Guizzetti e Rebecca Sartori. Si gareggia anche nei 400 e 800. 

Mo Farah tenterà il record dell'ora

Una notizia clamorosa. Il pluricampione olimpico e mondiale dei 10000 m Mo Farah tenterà, il prossimo 4 settembre, la migliore prestazione mondiale dell'ora in pista. Cercherà di fare meglio di 21285 metri stabiliti dal grandissimo Haile Gebrselassie il 27 giugno 2007 a Ostrava (Cec). A stimoralo il belga Abdi Bashir. E ci sarà anche il tentativo femminile dell'etiope Anabel Yeshaneh di fare meglio della connazionale Dire Tune (18517 nel 2008). eccovi le migliori 15 prestazioni maschili di tutti i tempi.

21285 m          Haile Gebrselassie                    Eti                                             Ostrava (Cec)        27.06.2007

21101             Arturo Barrios                          Mes                                            La Flèche (Fra)      30.03.1991

20944              Jos Hermens                           Ola                                             Papendal (Ola)      01.05.1976

20943              Dionisio Castro                        Por                                             La Flèche              31.03.1990

20907              Hermens                                                                                   Papendal              28.09.1975

20855              Carl Thackeray                        Gbr                                             La Flèche               31.03.1990

20822              Gebrselassie                                                                              Hengelo (Ola)        01.06.2009

20797              Kenneth Kiplimo Kimutai           Ken                                             Hengelo                01.06.2009

20784              Gaston Roelants                       Bel                                              Bruxelles               20.09.1972

20756              Wilson Kiprop                          Ken                                             Hengelo                 01.06.2009

20739               Hermens                                                                                  Papendal                14.09.1975

20644               Roelants                                                                                   Lovanio (Bel)          28.10.66

20639               Sammy Nyangicha                   Ken                                             La Flèche               30.03.1991

20620                Godfrey Kiprotich                    Ken                                             La Flèche               30.03.1991

20601                Bertrand Itsweire                    Fra                                              La Flèche               30.03.1991

"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""

In Moen che non si dica di nuovo gli Ingebrigtsen

La famiglia Ingebrigtsen ci ha davvero preso gusto: il mezzofondo made in Norway si rimette in moto con inesausta voglia di misurarsi. Così, martedì 30 giugno a Oslo Filip (1'47"79 di personale) sfida il fratello Jakob (1'49"40) sugli 800 metri; il giorno dopo Sondre Moen, fresco detentore del record europeo dei 25 km su pista, sfida Henrik Ingebrigtsen sui 5000 m. Il tutto nella due giorni del Memorial Boysen , altra occasione per motivare e mettere in evidenza qualità agonistiche di prim'ordine....

23 giugno 2020-Il compleanno di Fernanda Ribeiro

Senso del ritmo non comune, unito a talento manifestatosi già a soli undici anni, quando fu capace di correre la mezza maratona in 1h24'02"....nella stessa gara c'era Rosa Mota, che probabilmente funzionò da esempio, e che le fdinì davanti per soli due secondi.Oggi sono 51 gli anni di Fernanda Ribeiro, nata il 23 giugno 1969 a Penafiel. Raramente un'europea è riuscita a  conquistare un titolo olimpico sulle lunghe distanze: Fernanda vinse l'Olimpiade di Atlanta 1996 sui 10000 m. Quell'anno corse in 31'01"63. Si migliorò fino a 30'48"06. Fu anche campionessa mondiale (1995) e europea (1994). Nel 1995 stabilì il mondiale dei 5000 m con 14'36"45. Atleta eclettica, brava anche nelle indoor (campionessa europea dei 3000 nel 1994 e 1996) e anche sulla mezza maratona (record di 1h08'23").

Amarcord Liguria-Giro dei ponti di Campomorone

Anni settanta. Una fase del Giro dei ponti di Campomorone, periferia settentrionale di Genova. Si riconoscono mezzofondisti in auge nel periodo. Da sin a des Bruno Peluffo dell'Amatori, Angelo Pirisi e Mario Pitto del Cus Genova. Notate i terribili numeri ascellari con il nome dello sponsor che davano una sensazione di soffocamento...

Libro Armando Valente

Ho avuto la fortuna di conoscere il grande marciatore genovese Armando Valente negli ultimi anni di vita. Era quello che si dice "un vecchio fusto" pieno ancora di grinta e vitalità. Valente fu settimo all'Olimpiade di Parigi del 1924 e, nel 1930, sempre nella "Ville Lumière" conquistò due primati mondiali: sui 25 chilometri e nelle 2 ore. Me "Gli anni ruggenti di Armando Valente" (Genova, Quaderni degli Amici Museo dello sport, 1993) ho cercato di sintetizzare la formidabile carriera del marciatore ligure. A corredo, interessanti foto d'epoca.

Intervista a Francesca Tommasi

"Per aspera ad astra", sembra il motto della veneta Francesca Tommasi, che proprio in un momento di difficoltà come quello del Coronavirus ha saputo sfoderare una bella prestazione giungendo seconda qualche giorno fa nel Meeting di Wietzoken , dintorni di Zurigo: "E' stata una liberazione- dice la ragazza di Palazzolo Sona- oltre alla sosta forzata di qualche mese fa per periostite si era sommato il lockdown con relative ristrettezze. Così non vedevo l'ora di riassaporare l'atmosfera della gara". Una competizione particolare: "Si è trattato di una gara mista (il 16 giugno scorso-ndr) e io ho avuto come punto di riferimento la tedesca Burchard e qualche concorrente maschile. A parte una leggera flessione verso il quarto chilometro, ho sempre rispettato i passaggi di 3'06" al chilometro. Anche nell'ultimo mille". E così, 15'37"13, un bel miglioramento rispetto al precedente personale di 15'44". "Mi sono sempre allenata. Quando c'erano le restrizioni più rigide, ho ottenuto dal sindaco la possibilità di spostarmi in un campo di nostra proprietà, dove potevo correre. Poi, dal 4 maggio, ho ripreso l'attività in pista". Un rientro decisamente positivo: "Già il 2 giugno, nel test virtuale sui 10000 m, avevo ottenuto 33'04" correndo la distanza in frazioni a ritmo diverso. Le sensazioni erano state positive. Adesso, con il mio allenatore, Gianni Ghidini, cerchiamo qualche altro meeting in Svizzera". Nell'attesa che si possa riprendere a fare gare di mezzofondo e fondo in Italia, visto che le gare di Francesca sembrano essere 1500 e 5000. Gli inizi ?Già a 12 anni: "Dopo qualche gara su strada, mio padre mi portò in pista. Ero indecisa fra calcio e atletica. Correre però era una passione troppo forte". Da cadetta partecipa ai Giochi Europei della Gioventù, poi ha la grande soddisfazione, circa un anno fa, di giungere quinta agli Europei under 23 di Gavle, in Svezia. Dall'Atletica Bussolengo passa all'Esercito: "Ho la fortuna di vivere in campagna. Allenarsi sulle colline moreniche, sui loro sentieri, è impagabile". Le chiediamo se ci sarà qualche aspetto positivo nel lockdown: "Dopo la costrizione forzata sarà bello riscoprire cose che prima non apprezzavamo abbastanza come, ad esempio, una gita in montagna, uscire con le amiche. Il piacere delle piccole cose". Papà promotore finanziario, mamma casalinga: "Anche a me piace cucinare, ad esempio i dolci. La nostra è la terra del pandoro...".Gli allenamenti, ma anche gli esami alla Facoltà di Medicina: "Questa è una settimana piena", dice. Forza, Francesca.   

Tac di Mariano Comense

Non sono mancate le prestazioni di rilievo, anche nel quadro di un test certificato, a Mariano Comense (Como) domenica 21 giugno. Il martello di Giacomo Proserpio (Atletica Lecco) è volato a 68.51. Agata Gremi (Atletica Brescia) nella stessa specialità ha ottenuto 53.70. Grande prova dell'allievo Paolo Gosio (Atletica Vallecamonica) nei 200 hs: 23"24. Peccato che, per la natura stessa della manifestazione, non si possa considerare un risultato ufficiale....La promessa Alice Muraro (Atletica Vicenza) ha corso in 28"50. Segnali di rinascita.

Una foto una storia: lo stadio Carlini

Gli stadi, senza alcun ombra di dubbio, rappresentano i luoghi privilegiati della memoria collettiva. Così scriveva, nel 1989, lo studioso Riccardo Grozio in occasione della ristrutturazione dello Stadio "Carlini" di Genova San Martino. Inaugurato nel 1927 e conosciuto come lo stadio della "Nafta", una delle poche società professionistiche, l'impianti ligure conobbe grandi campioni e imprese come il record italiano sui 1500 m di Luigi Beccali in occasione di Italia-Ungheria del 20 ottobre 1929. Beccali chiuse in 3'58"4. Nel dopoguerra fu sede di un arrivo di tappa del Giro d'Itlia con "Ginettaccio" Bartali. Il 19 ottobre 1957 il sovietico Vladimir Kuts , allora al vertice mondiale del mezzofondo, tentò il record delle sei miglia. Nel 1964 Antonio Ambu arrivò proprio lì, primo al traguardo sulla pista, in occasione degli Italiani di Maratona. Le foto sono attimi di una storia importante anche per Genova.  

 
What do you want to do ?
New mail

Login