Alle 17.38 di sabato 16 febbraio Luminosa Bogliolo è la campionessa italiana indoor dei 60 ostacoli con 8”10, record personale e sesta prestazione italiana all time  sui 60 hs. Una giornata luminosa, è il caso di dire, per l’atletica ligure. Che la ragazza alassina fosse in giornata, lo si è capito subito, fin dalla batteria, vinta con 8”17 in assoluto controllo. Solo un vistoso taping alla gamba sinistra metteva un po' di apprensione….Qualche ora dopo, l’attesa finale. “Lumi” è partita in quarta corsia, concentratissima. Allo sparo l’uscita buona dai blocchi, le prime battute sugli ostacoli davvero sincrone e potenti hanno fatto sperare nell’ennesimo exploit. Un tuffo sull’ostacolo con il pugno alzato in segno di vittoria per la cussina, uno sguardo: 8”10, record personale, altro passo in avanti nella all time italiana guidata ancora da Veronica Borsi. Un altro passo in avanti verso il limite degli otto secondi, ma cosa importano decimi e centesimi? E’ stato bello vedere Luminosa  sciogliersi in un sorriso nell’abbraccio di Antonio Dotti e Ezio Madonia, gli allenatori che la seguono da tanti anni. E’ bello sapere che Luminosa andrà a Glasgow con la consapevolezza di essere in grande forma.

Sono oltre 500 gli iscritti, domenica 17 febbraio, alla seconda prova del campionato societario assoluto e giovanile di corsa campestre in quel di Caniparola, località al confine fra Toscana e Liguria (si potrebbe dire Apuania) , dove indubbiamente sarà uno spettacolo vedere in gara tanti protagonisti dell’atletica ligure, dai piccoli della categoria esordienti agli assoluti. Campionato individuale e anche seconda prova valida come societario, con al via atleti che hanno già ben figurato in campo nazionale. Parliamo dell’azzurrina Ludovica Cavalli (Trionfo Ligure), seconda sui 1500 negli italiani juniores indoor e nona fra le assolute nella prestigiosa Cinque Mulini, quindi dell’allievo Andrea Azzarini, suo consocio, primo al Campaccio, che parte favorito fra gli allievi, anche se l’imperiese Nicolo Scarlino (Maurina), quinto nei campionati allievi italiani indoor sui 1500, appare in buona forma.  Fra le allieve al via Aurora Bado (Arcobaleno), reduce dal bronzo sui 1500 degli allievi indoor italiani e dalla vittoria nella Cinque Mulini; fra gli assoluti in gara Carlo Pogliani (Cambiaso Risso) e il consocio Gebrehanna Savio, che ne viene dal record personale nella Mezza delle due perle. Nell’analoga competizione femminile risultano iscritte  Iris Baretto (Trionfo Ligure), la consocia Martina  Rosati, che a Barcellona ha corso la mezza in 1h21’45”, e la rientrante Laura Papagna (Cus).

 

http://calendario.fidal.it/files/LISTA%20ISCRITTI%20CROSS%20CANIPAROLA%20-%2017%20FEBBRAIO%202019.pdf

 

Bei risultati da due “marinai” del podismo ligure come Elena Riva e Giuseppe Conterno, che domenica hanno preso parte alla Ciaspolada di Usseglio (Torino). Una corsa dal fascino speciale, caratterizzata dal terzo posto assoluto di Elena, nome mitico dell’atletica ligure, che ricordiamo anni fa azzurra di corsa in montagna e proprio di corsa con le racchette da neve. Davvero una bella notizia: tutti auspicano un rientro agonistico su strada della forte genovese. Bene anche Giuseppe Conterno, ottavo assoluto e primo della categoria M60.

Da venerdì 15 a domenica 17 febbraio il Palaindoor di Ancona ospita i campionati italiani assoluti al coperto di atletica leggera, che , in chiave ligure, possono regalare qualche soddisfazione. Naturalmente le attenzioni vanno a Luminosa Bogliolo, reduce da molti successi culminati, in questa prima fase di stagione, con il minimo conseguito a Mondeville (Francia): un tempo di 8”14 che le ha garantito il pass verso gli Euroindoor. L’atleta del Cus Genova, allenata dal binomio Madonia-Dotti, parte favorita sui 60 hs. Speriamo solo che abbia superato il fastidio al bicipite femorale che l’ha condizionata a Linz: “Faceva molto freddo- dice- anche nella zona di riscaldamento dell’impianto.In batteria (vinta con 8”25) ho avvertito un dolore e, per prudenza, non ho disputato la finale. In questi giorni ho fatto anche fisioterapia per presentarmi in condizione sabato. Alle 17.35 si prevede la finale….Iscritta su 800 e 1500 m la forte Stefania Biscuola (Arcobaleno) che, se in condizione, è sempre in grado di avvicinare il podio. Sui 60 hs è iscritta Eleonora Ferrero del Cus Genova, Sui 60 donne in gara Elena Arena (Duferco Spezia). Nella staffetta 4x2 giri iscitta la Duferco, che può contare su talenti emergenti come i giovani Andrea e Alessandro La Mantia, Ianko Lattarulo e Michele Franceschini.

Domenica 10 febbraio a Padova si è svolta la seconda giornata dei campionati regionali indoor open. L’azzurra Eleonora Ferrero (Cus Genova) si è piazzata al secondo posto dei 60 hs con 9”05 (vittoria di Giada Carmassi 8”77), dopo avere corso 9”00 in batteria. Andrea Del Sarto (Duferco Spezia) è stato quinto nei 1500 con 3’57”90 a pochi decimi dal minimo per gli italiani assoluti. Primo posto di Riccardo Tamassia (Trevisatletica) con 3’51”90. Nei 60 donne Rita Ricciotti (Duferco) ha colto il secondo posto nella finale 2 con 8”05, dopo avere corso in 8”03 in batteria. Nei 1500 donne quinta Alice Franceschini  (Duferco, 4’45”37), e sesta la consocia junior Licia Domenichini (4’49”92). Qui si è assistito alla vittoria della varesina Gaia Pigolotti con 4’40”88. I consoci Ianko Lattarulo (junior) e Michele Franceschini  sono stati rispettivamente secondo nella terza serie dei 400 con 50”72 (settimo nel riepilogo finale) e secondo nella seconda serie con 50”96 (ottavo nel riepilogo finale). Affermazione di Giorgio Trevisani (Atletica Studentesca Rieti) con 49”16.  

Bella gara di Martina Rosati (Trionfo Ligure), che domenica 10 febbraio è stata prima delle italiane (e 43° assoluta, da qui il livello della manifestazione…) nella Mezza Maratona di Barcellona (Spagna). Martina ha chiuso in 1h21’48” nella gara vinta dalla fuoriclasse etiope Roza Dereje in 1h06’01”, attualmente una delle migliori prestazioni mondiali. L’atleta biancoblu sembra avere trovato una nuova dimensione on the road, dopo un brillante excursus prima nei 400 ostacoli e poi nel mezzofondo su pista.

Quando qualcuno si toglie la vita, ci sentiamo tutti storditi e anche, in parte colpevoli. Per non avere capito, per non avere aiutato. Voglio ricordare Maura Viceconte con una foto dell’edizione genovese di Vivicittà 1997. Si partiva dalla Sala chiamata del Porto verso la Sopraelevata, fino a metà di Corso Italia, per poi tornare vicino alla Lanterna. Maura giunse seconda, preceduta solo dalla keniana Margaret Okayo, ancora a inizio di carriera. Ma questo non è il momento dei risultati, dei curricula. Tutto appare doloroso e senza senso. Un groviglio terribile. E allora, che il pensiero salga con te, Maura, lassù, lieve, leggero come la tua corsa…..

E’ stata un’edizione dei campionati italiani allievi indoor ricca di record liguri. Oltre a quelli di Marco Zunino (400 m) e Aurora Bado (1500 m), ricordiamo quello di Anabel Vitale (Arcobaleno) nei 60 hs. La giovanissima ha corso in batteria in 8”67, crono che rappresenta il nuovo limite under 18.Poi si è piazzata al quinto posto con 8”70 nella finale (settima Chiara Smeraldo della Maurina Imperia con 8”72). Un altro limite di categoria è venuto da Irene Cassinelli (Don Bosco), con 11.54 nel triplo (14° posto). Ricordiamo anche il quinto posto di Nicolo Scarlino (Maurina) nei 1500 m (4’11”98) , il sesto di Riccardo Berrino (Cus Genova) nei 60 hs con 8”21 (dopo avere corso in batteria 8”15), il sesto di Matteo Oliveri (Maurina) nell’asta (4.05)

Domenica 10 febbraio, a coronamento di una giornata molto positiva per i liguri in gara nei campionati italiani allievi indoor, segnaliamo il terzo posto nei 1500 di Aurora Bado, con 4’44”25. Aurora, figlia d’arte (della maratoneta azzurra Ornella Ferrara e di Corrado), è riuscita a salire sul podio con una gara tatticamente perfetta, senza seguire la battistrada Melissa Fracassini (Cus Perugia), che avrebbe vinto in 4’41”48. Nel finale è venuta fuori la sagacia della giovane mezzofondista, capace di cogliere un piazzamento prestigioso.Non solo: si trratta anche della nuova migliore prestazione ligure della categoria allieve.

Argento e record ligure per Marco Zunino (Atletica Arcobaleno) che, domenica 10 febbraio, ha conquistato il secondo posto nei 400 m allievi dei campionati italiani indoor in corso di svolgimento a Ancona: dopo avere corso in batteria in 50”60 oggi  l’allievo di Francesco Romano si è letteralmente superato.  Al primo anno allievi, senza complessi di inferiorità, Marco si è accodato al primo giro (passaggio di circa 24 secondi) a Lorenzo Benati, che il giorno prima aveva stabilito il nuovo record italiano di categoria. L’ultimo giro è stato emozionante, con Benati che è riuscito a allungare e a vincere in 49”12, mentre Marco Zunino, stoicamente, ha chiuso in 49”76 resistendo al ritorno del laziale Toscani. L’anno scorso Zunino aveva fatto mirabilie nella categoria cadetti, conquistando il titolo nazionale nei 300 m: oggi ha ribadito di essere una grande speranza della “gara che uccide”.

L’esperto Davide Cavalletti (Sisport) domenica 10 febbraio è stato quarto assoluto e primo dei liguri al traguardo dei 28 chilometri del Val Maremola Trail disputato a Tovo San Giacomo (Savona). Cavalletti ha chiuso in 2h23’13” nella gara vinta dal cuneese Danilo Lantermino (Valle Varaita) in 2h22’24”. Gli altri piazzati sono stati, nell’ordine, Enrico De Ferrari, ottavo in 2h40’38” e Alberto Canessa, nono in 2h40’38”, tutti e due della Sisport. Prima donna al traguardo, ottava, Sonia Marcasso (Delta), in 3h49’26”.

 

https://www.wedosport.net/volantino_gara.cfm?gara=49966