Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Comunicato stampa Calanchi

il Giro dei Calanchi 2019, disputatosi ieri a Castellania, ha ottenuto un altro clamoroso successo di partecipazione che ha fatto seguito all'edizione record del 2018 superando il numero di partecipanti che ha così toccato quota 340 a cui vanno aggiunti un importante numero di non competitivi (più di 70). Il fatto puramente agonistico ha visto il successo di Gebrehanna Savio (Cambiaso Risso Running team) che è andato vicinissimo a battere il tempo record sul percorso che già gli appartiene. In campo femminile si è imposta la pavese Simona Bracciale (GP Garlaschese) a conferma di una condixzione atletica in crescendo per tutto qusto scorcio di stagione agonistica. Alleghiamo alcune foto dell'evento, il commento dettagliato che è comparso su www.atleticanovese.it e la classifica generale. 
Ringraziando per l'attenzione

Atletica Novese

Allegati:
Scarica questo file (Clasws. Calanchi 2019.xls)Clasws. Calanchi 2019.xls[ ]80 kB

Amarcord-Momenti di gloria 1924

Parigi, 1924. Sulla pista di Colombes l'inglese Harold Abrahams è il primo europeo a vincere  i 100 m nella Storia della rassegna a cinque cerchi. In una rara immagine d'epoca, lo si vede con il numero 419 davanti al tedesco Scholz (274). Vincerà in 10 secondi e 3/5, come riportano le cronache d'epoca.La sua fama aumentò dopo il film "Momenti di gloria", dove fu impersonato dall'attore Ben Cross.   

 

L'immagine può contenere: una o più persone

Meeting di Birmingham

Non sono mancati i risultati di spessore nel Meeting Iaaf di Birmingham (Gran Bretagna) domenica 18 agosto. Ancora una volta in luce Konstanze Klosterhalfen, la filiforme mezzofondista tedesca, che ha vinto il miglio in 4'21"22, nuovo record nazionale dopo 34 anni. Il crono della ragazza del Bayer Leverkusen è anche il nuovo limite della riunione, e migliora il tempo di un'illustre atleta come l'irlandese Sonia O'Sullivan. Poi, un messaggio per Luminosa Bogliolo: la giamaicana Danielle Williams ha vinto i 100 hs in 12"46 davanti all'americana Kendra Harrison, 12"66.

Giro dei Calanchi 2019

Gebrehanna Savio (Cambiaso Risso), in veste di scalatore, ha vinto domenica 18 agosto a Castellania (Al) il Giro dei Calanchi, organizzato in memoria del campionissimo Fausto Coppi, originario di lì.Savio ha preceduto nell'aordine Yaya (Podismo di sera), Mohamed Rity (Delta), Diego Picollo (Maratoneti Genovesi, e Enrico Porta (Azalai). In campo femminile successo della lombarda Bracciale.Per quanto riguarda i piazzati di categoria, primo della Over 65 Mario Bianchi (Cambiaso), seguito da Bartolomeo Bacigalupo (Maratoneti Genovesi). Secondo della Over 60 Luigi Deplano (Cambiaso).Prima della over 65 femminile Silvia Bolognesi (Cambiaso), seguita al secondo posto da Giovanna Moi (Maratoneti Genovesi). Quarta della 16/39 Valeria Fabbro (Maratoneti Genovesi). Il gruppo dei Maratoneti Genovesi è stato  il secondo più numeroso. 

Dossena prima a St.Moritz

Test gara in previsione di Doha, in base alle dichiarazioni della viglia, dove essere, e così è stato: Sara Dossena domenica 18 agosto ha vinto la 25 chilometri dell'Engadina (Engadiner Sommerlauf) a St.Moritz (Svizzera) in 1h27'39" rifilando un distacco di più di tre minuti all'etiope Helen Bekele (1h30'51"). La mezzofondista della Laguna Running è apparsa in ottima forma a circa un mese dai Mondiali, e certamente il test si può considerare superato a pieni voti. Fra gli uomini il primo posto è andato al francese Benjamin Choquerit in 1h18'56". Primo italiano Markus Ploner, sesto in 1h24'09".

Amarcord- 30 anni fa il record di Aouita sui 3000 m

L'Olimpiade di Seoul del 1988 non era andata bene a Said Aouita. Forse perchè scarico di energie nella ricerca convulsa di primati e record, il "rais" di Kenitra aveva rimediato solo un bronzo negli 800 m. Ma la rabbia c'era ancora. Così, il 20 agosto 1989, aveva risposto all'appello degli organizzatori del Meeting di Colonia (Germania). Gara? I 3000 m. A contrastarlo l'ex sudafricano, poi cittadino Usa, Sydney Maree. Con passaggi di 59"5 ogni 400 m, ben presto, Aouita è solo. Il passaggio ai 1500 è millimetrico: 3'45". Nell'ultimo mille, chiuso attorno ai 2'30", arriva il grande crono: 7'29"45. Said butta giù dall'ideale podio del record una figura mitica come il keniano Henry Rono, matttatore indiscusso dell'estate 1978, che aveva fatto segnare 7'32"1 nell'aria fresca di Oslo. Secondo è Dieter Baumann in 7'40"37, che precede allo sprint Maree (7'40"67).

Marina Classic 2019

L'azzurro di corsa in montagna Alex Baldaccini sabato 17 agosto è riuscito a superare sul ritmo un grande nome come Valerio Brignone della Cambiaso Risso (15'12" contro 15'41"), vincendo la Marina Classic (5 km) a Loano (Savona), organizzata dall'associazione Rn Riviera Run con 350 al via. Fra le donne successo dell'aostana Sivia Gradizzi (18'32") e terza l'inesauribile Laila Hero (Arcobaleno), 19'14".

A Ragonese l'Etna Vertical

Certamente si è trattato di un'impresa: sabato 17 agosto Salvatore Ragonese (Bergeggi Team) ha vinto a Linguaglossa (Catania) l'Etna K1 Vertical, gara di chilometro verticale sulle pendici del vulcano per eccellenza d'Italia. Un dominio assoluto: lo scalatore in forza al team savonese ha completato l'immane fatica in 54'27" , con più di tre chilometri di vantaggio nei confronti di Edoardo Lo Furno (Siracusatletica), 57'54". Sulle orme di Plinio il Vecchio.....Andrea Tozzato (Delta Spedizioni) è stato 25° in 1h17'40".

Verso i Mondiali di Doha3-La Maratona maschile

Per sfuggire all'afa terribile della Penisola Arabica, a Doha (Qatar), la maratona uomini partirà alle 24. Proprio così. Sarà una questione di uomini abituati alle ondate di calore, e dotati di personalità. Ebbene, proprio i due runner dotati di maggior carattere, oltre che di crono all'altezza, non ci saranno. il keniano Eliud Kipchoge a Vienna (mese di ottobre) si cimenterà nel tentativo di scendere sotto le mitiche e "disumane" due ore aiutato da lepri. Mo Farah, l'inglese plurivincitore di 5000 e 10000 su pista, ha optato per Chicago il 13 ottobre insieme con l'americano Galen Rupp. E allora non ci resta che scorrere le graduatorie stagionali: in teoria lo scontro dovrebbe essere (more solito) fra etiopi e keniani. Mosinet Geremew è l'etiope con il personale migliore (2h02'55" a Londra, secondo dietro a Kipchoge), quindi ecco Mule Wasihun (2h03'16") e Getaneh Molla (2h03'34"). Escluso Kipchoge, il Kenya vede i tempi di Marius Kipserem (2h04'11"), Titus Eriku (2h04'46) e Emmanuel Saina (2h05'02"). Ma occorrerà vedere le convocazioni   delle due nazioni africane...Il Marocco ha dato segnali di risveglio con Ali Mahjoub Dazza, vincitore a Praga con 2h05'58". E gli azzurri? Yassine Rachik, attualmente, è 62° con 2h08'05". Si tratta di un atleta ricco di motivazioni e emergente. Conteranno molto anche queste: a volte atleti accreditati di grandi prestazioni (vedi l'ex recordman mondiale Dennis Kimetto) si sono presentati per onor di firma ...staremo a vedere. 

Trofeo San Rocco di Seravezza

Di buon livello qualitativo, venerdì 16 agosto, il Trofeo San Rocco a Seravezza (Lu), corsa serale di 9.1 chilometri che ha visto, in campo femminile, il primo posto dell'emiliana Federica Proietti (Corradini Reggio Emilia), mentre ottima terza è stata Luciana Bertuccelli (Avis Castelnuovo Magra). Quarta Stefania Arpe (Atletica Levante), ottava Liliana Paganini (Città di Genova).

Settima Corsa campestre del Tarinè

A suo agio sui continui saliscendi sterrati del Parco del Beigua, Corrado Ramorino (Bergteam) ha vinto la settima Campestre del Tarinè a Piampaludo (Sv), località dal grande fascino naturalistico. Alle sue spalle il veterano piemontese Achille Faranda e Roberto Parodi (Vallescrivia). Fra le donne vittoria per distacco di Federica  Laino (Dlf Asti) davanti a Susanna Scaramucci e Teodora Bacanu dei Maratoneti Genovesi.

Login