Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Seconda Bi.Bi. epic race

Un uomo solo al  comando: Lorenzo Trincheri non è nuovo a imprese del genere in salita. Nel suo curriculum la Marathon des sables ("Magnifica, unica", sono le sue parole) e anche, domenica 21 febbraio, la seconda edizione della Bi Bi epic race, corsa in salita dal mare di Borghetto Santo Spirito (Savona)fino a Balestrino, 17 chilometri con più di 700 metri di dislivello. Lorenzo, sempre da solo, ha chiuso in 1h08'02" con il nuovo record del percorso, lasciando a due minuti di distacco il bergamasco Marco Vezzoli, rivelazione della giornata, e il monegasco Luca Piccolo. In campo femminile gara in solitaria per la cuneese Laura Mazzucco (Pam Mondovì), avvezza alle pendenze più dure. RISULTATI (17 km)- Uomini: 1° Lorenzo Trincheri (Roata Chiusani) 1h08'02"; 2° Marco Vezzoli (Runners Bergamo) 1h10'54"; 3° Luca Piccolo (As Monaco) 1h13'37"; 3° Fabio Galliano (Ferrero) 1h14'27"; 5° Leonardo Gaglione (Run Finale) 1h14'40". Donne: 1° Laura Mazzucco (Pam Mondovì) 1h25'46"; 2° Alessandra Munerol (Arcobaleno Savona) 1h31'13"; 3° Elisa Naletto (Pam) 1h33'32"; 4° Barbara Meinero (Cairo) 1h34'35"; 5° Liliana Paganini (Città di Genova) 1h35'30".  

Arrampicata alla Bocchetta

Corrado Pronzati e Daniela Olcese: sono loro i nuovi "re" dell'Arrampicata della Bocchetta, disputata sul classico percorso da Campomorone fino al passo appenninico che conobbe, in passato, le ruote illustri del "campionissimo" Fausto Coppi. L'alfiere dei Maratoneti Genovesi ha scavato un solco cronometrico percorrendo i 9 chilometri di durissima ascesa in 35'46" con tre minuti di distacco nei confronti di Silvano Repetto. Daniela Olcese (Delta) ha rifilato un minuto alla sorprendente spezzina Sara Chiocca. Ecco i migliori classificati- Uomini: 1° Corrado Pronzati (Maratoneti Genovesi) 35'46"; 2° Silvano Repetto (Delta Spedizioni) 38'45"; 3° Diego Picollo (Maratoneti Genovesi) 39'27"; 4° ario Mantero (S.Olcese) 40'26"; 5° Andrea Rattazzi (Maratoneti Genovesi) 40'45"; 6° Hicham El Jaoui (Gau) 40'53"; 7° Diego Sturla (Maratoneti Genovesi) 41'05"; 8° Giovanni Tornielli (Peralto) 41'36"; 9° Marco Nerini (lib.) 41'43"; 10° Giacomo Rizzi (Entella) 42'26". Donne: 1° Daniela Olcese (Delta) 47'23"; 2° Sara Chiocca (Golfo dei poeti) 48'42"; 3° Valentina Martorella (Frecce Zena) 49'12"; 4° Gioacchina Di Vincenzo (Marayoneti Genovesi) 49'42"; 5° Paola Corini (Maratoneti Tigullio) 49'56".

Stefania Biscuola seconda nella indoor di Padova

Stefania Biscuola (Atletica Arcobaleno Savona) sta esplorando con successo la dimensione agonistica degli 800 m: oggi al Palasport di Padova la 24enne "neomezzofondista" ha chiuso i quattro giri al coperto in 2'11"42, preceduta dalla "figlia d'arte" Eleonora Vandi (Avis Macerata), 2'09"78. Nella lotta per l'argento Stefania ha preceduto di poco Stefania Giobelli (Bentegodi Verona), 2'11"94. Una prova convincente in vista dei prossimi tricolori assoluti indoor.

Allegati:
Scarica questo file (biscuola.jpg)biscuola.jpg[Stefania Biscuola]39 kB

Samuele Angelini sesto agli italiani allievi indoor

Il migliore risultato, per quanto riguarda i liguri ai campionati italiani allievi indoor che si sono disputati lo scorso fine settimana a Ancona, è venuto da Samuele Angelini (Duferco Spezia). Il giovane mezzofondista, impegnato in una serie molto veloce, ha concluso al sesto posto sui 1000 m con il crono di 2'34"90. La vittoria è andata  invece a Simone Barontini (Stamura Ancona), al record italiano con 2'27"32.Una prestazione davvero onorevole, quella di Angelini, che non può che incoraggiare il giovane talento a proseguire sulla strada dell'impegno e della determinazione. Per quanto riguarda le altre prove, buon nono posto nel getto del peso per Simone con 14.48 . Vittoria per Andrea Proietti (Cassa Risparmio Rieti) con 18.07.

Seconda fase societari liguri cross

Tempo permettendo, domenica 14 febbraio Finale Ligure (SV) ospita la seconda fase regionale societaria di cross assoluto, una manifestazione che vedrà accorrere in località le Mànie (organizzazione della Run) i migliori specialisti liguri di campestre.Anche un campione mondiale al via: è Tommaso Vaccina (Cambiaso Risso), iridato di lunghe distanze di corsa in montagna nel Colorado, che anima i dieci chilometri maschili ricchi di presenze come il consocio Carlo Pogliani, Valerio Brignone, Gabriele Pace, e i cussini Emilio Elena e Alessio Ratto. Fra le allieve al via una delle migliori atlete a livello nazionale come Ludovica Cavalli (Trionfo Ligure). Massiccia la partecipazione soprattutto nel campo delle categorie giovanili. Si inizia alle 9.30.

La corsa di Miguel

Peccato che ci fosse la dittatura, che i militari facessero retate di oppositori al regime, perché io conservo di Buenos Aires un ricordo magnifico. C'è la Boca, il quartiere dei genovesi, una specie di Boccadasse con l'Atlantico al posto del Mar Ligure, c'è la folla che va a vedere la partita di calcio allo stadio del River Plate….nello zoo delle giraffe altissime mangiano le noccioline che gli porgi allungando dei colli lunghi chilometri….A "Baires" la corsa su strada ha sempre attecchito. Ricordo che l'Argentina ha avuto due campioni olimpici di maratona come Delfo Cabrera (nel 1948) e Juan Carlos Zabala (1932). Due pionieri della specialità. Domani, domenica 31 gennaio, si disputa a Roma la "Corsa di Miguel", mezzofondista argentino ucciso dalla giunta del generale Videla nel gennaio 1978 solo perché di idee contrarie. Oltre che a correre, Miguel Sanchez scriveva poesie e racconti.Era allenato da un'altra figura mitica dello sport argentino come Osvaldo Suarez, tre volte vincitore della Corrida di San Silvestro di San Paolo del Brasile.

Conferenza stampa due perle 2016

Martedì 19 gennaio 2016 alle ore 15 presso il Comune di Santa Margherita Ligure viene presentata l'undicesima edizione della Mezza Maratona delle due perle alla presenza di autorità del mondo sportivo e di amministratori di enti locali. Si preannunciano grandi novità dal punto di vista tecnico-……L'invito è rivolto al popolo della corsa.

Schwarz in evidenza a Bra

Carla Schwarz ancora una volta ha fatto parlare di sé in un’altra riunione indoor: questa volta l’ostacolista junior della Trionfo Ligure ha fatto segnare il tempo migliore sui 60 ostacoli dei campionati piemontesi al coperto di Bra (Cuneo). Prima ha corso in 9”23, quindi ha vinto la finale riservata alle non piemontesi in 9”27 davanti alla consocia Maria Lertora. In entrambi i casi si è trattato dei tempi migliori della manifestazione . Genovesi in evidenza anche sui 60 piani: Francesca Ciaravino (Trionfo Ligure) , al tirare delle somme, è risultata terza assoluta con 8”09, superando in finale Carla Schwarz, davvero inesauribile , che ha corso in 8”12 ( dopo avere chiuso in 8”03 in batteria). Il tempo migliore in questa gara è stato fatto segnare da Michela Sibilla (Atletica Mondovì) con 7”90 dopo avere corso la batteria in 7”88. A una sola settimana dall’esordio di Nizza (Francia), le due velociste della Trionfo Ligure hanno confermato  buona forma….

Cursa de Natale

La Cursa de Natale è un’impegnativa gara di dieci chilometri collinari nella cornice “chic” di Montecarlo. Ogni anno parecchi runner nostrani accorrono nel Principato di Monaco, attirati dalla location suggestiva e dall’indubbia competitività della prova. La vittoria dell’edizione 2015 è andata al keniano James Kangogo in 31’04”, mentre il migliore dei liguri è stato il marocchino della Cambiaso Risso Mohamed Rity, quinto in 32’12”. Una prova convincente in vista dell’imminente Maratona di Pisa. In campo femminile successo della promettente junior Valentina Gemetto “figlia d’arte”, autrice di 38’10”. Ecco i migliori classificati con i liguri uomini nei primi ottanta e donne nelle prime quaranta. RISULTATI (10 km)- Uomini: 1° James Kangogo (Kenya) 31’04”; 2° Youssef Jaadi (Marocco) 31’05”; 5° Mohamed Rity (Marocco-Cambiaso Risso) 32’12”; 12° Maurizio Fiorini (Atletica Arcobaleno) 34’18”; 37° Alessandro Castagnino (Foce Sanremo) 36’10”; 48° Paolo Vassallo (Marathon Imeria) 36’39”; 75° Marco Faggiani (Pro San Pietro Sanremo) 37’32”; 79° Giuseppe Fedi (Gau) 37’55”; 80° Pierluigi Siguard (Cambiaso Risso) 37’56”. Donne: 1° Valentina Gemetto (Atletica Saluzzo) 38’10”; 2° Ingrid Lopergolo (Francia) 38’41”; 7° Miriam Bazzicalupo (Arcobaleno) 40’47”; 13° Sonia Cassiano (Cambiaso Risso) 43’05”; 15° Sabrina Barbieri (Atletica Ceriale) 46’02”; 36° Elodie Burchini (San Pietro) 47’01”.  

Il fascino del Trail di Portofino-Pietre Strette.

L’origine del Promontorio di Portofino è ancora adesso un mistero della scienza. Ma, come tutti i misteri, attrae. Una delle testimonianze più belle che i concorrenti possono incontrare lungo il percorso è data dalle “puddinghe”, dalle rocce caratteristiche che si trovano soprattutto verso la sommità del Monte. Il trail in programma domenica 6 dicembre, ad esempio, passa in località Pietre Strette. All’interno della fitta e ombrosa macchia verde i trailer incontrano due “torrioni” di roccia conglomeratica che danno alla zona un aspetto maestoso, quasi ancestrale. Sembra di interpretare un film tipo “Indiana Jones”. Ma il bello delle manifestazioni trail sono proprio questi: lo spirito dell’avventura inserito in un contesto agonistico, i passi sullo sterrato, improvvisamente uno spiraglio di luce che fora la copertura vegetale, la visione incomparabile del mare. Il fascino del Trail di Portofino.

Emma Quaglia e Ornella Ferrara alla OliOlivaRun

Emma Quaglia e Ornella Ferrara hanno fatto la storia della maratona in Liguria (e non solo). Emma, da sempre tesserata per il Cus Genova, ha colto il sesto posto nella maratona ai Mondiali di Mosca, e ha vinto il titolo europeo a squadre sulla stessa distanza a Zurigo nel 2014. Ornella, lombarda di nascita ma ormai imperiese di adozione (ha spostato il forte mezzofondista Corrado Bado) è stata terza ai mondiali di Goteborg 1995 sempre nella maratona, e quinta ai Mondiali di Atene. Si è piazzata al 12° posto all’Olimpiade di Atlanta (USA) nel 1996. Le due “regine dell’atletica ligure danno lustro domenica 15 novembre alla OliOlivarun, corsa su strada di 10 km a Imperia, che si svilupperà nella zona portuale e garantirà spettacolo oltre che partecipazione, sotto la regìa organizzativa di William Stua del Marathon Club. Dieci i chilometri su un circuito che vedrà come favorito fra gli uomini il keniano Mike Njunguna. A contrastarlo il marocchino-piemontese Salah Ouyat, Michele Chiefari (Cambiaso Risso) e l’azzurro di ultramaratone Lorenzo Trincheri.

Login