Forse sulla strada per preparare al meglio gli italiani master di Genova, Emanuela Mazzei della Cambiaso Risso domenica 19 maggio è stata sesta (prima italiana) nella qalificata Mezza dei Navigli a Cernusco (Milano): Emanuela è stata anche prima della F40 con 1h27’36” nella gara vinta dall’etiope Belay Tegegn in 1h18’53”.

“Meglio di così non potevo fare”, dice sinteticamente Giuseppe Lombardo (Maratoneti Genovesi) domenica 19 maggio al termine di una riunione su pista a Asti. Due record (meglio: migliori prestazioni di categoria) liguri nel lungo e nei 300 hs. Prima “Pino” ha saltato 9.11 nel triplo (il vecchio limite era di 7.75), poi ha corso i 300 ostacoli con barriere in 52”80. Il vecchio record apparteneva a lui (53”64). Naturalmente parliamo della categoria M60. Un’altra giornata indimenticabile…..

Mohamed Rity è tornato, domenica 19 maggio, alla vittoria vincendo il Trail di Villa Fortunata a Capriata d’Orba , una mezza maratona organizzata nella tenuta del podista-armatore Augusto Cosulich. “un percorso molto panoramico ma impegnativo”, dice Mohamed al termine di una competizione disputata in una giornata tutt’altro che primaverile. La gara è stata di buon livello tecnico, visto che Rity ha preceduto in 1h14'30", nell’ordine, Gebrehanna Savio (Cambiaso Risso) e Khalid Ghallab (Città di Genova). Quarto Hicham El Jaoui (Delta).Quinti ex aequo Timothy Cosulich e Diego Picollo dei MaratonetiI.n campo femminile solo una formailità per Emma Quaglia (Cambiaso Risso), prima davanti alla rientrante Elisabetta Ottonello (Cus Genova) e a Daniela Barna Scanu (Rensen). Nei 10 km affermazione di Alessio Ottoboni (Novese), che ha preceduto Carlo Pogliani (Cambiaso Risso) e Luca Campanella (Cambiaso). Fra le donne vittoria di Angela Giribaldi davanti a Laila Hero (Arcobaleno) e Marta Cairo (Solvay).

Allegati:
Scarica questo file (villa fortunata 1.xls)villa fortunata 1.xls[ ]104 kB
Scarica questo file (villa fortunata 2.pdf)villa fortunata 2.pdf[ ]195 kB
Scarica questo file (villa fortunata 3.pdf)villa fortunata 3.pdf[ ]279 kB

Un po' a sorpresa, Daniele Ravelli, lombardo dell’Atletica Arcisate, si è imposto nella 24° marcia Città di Chiavari che ha aggregato 270 partenti domenica 19 maggio nella bella cittadina del Levante, sotto l’organizzazione dei Maratoneti Tigullio. Ravelli ha chiuso in 41’49” staccando sul ritmo il gagliardo Marco Parodi (Maratoneti Genovesi), 42’09” e Francesco Profumo (Urbe), 42’27”, abbonato al podio. Fra le donne ritorno alla vittoria per Sonja Martini della Cambiaso Risso, qualche anno fa campionessa europea master di mezza maratona, prima in 48’00” davanti a Stefania Arpe (Atletica Levante) , 49’29”, e all’ultramaratoneta Sonia Ceretto (Maratoneti Tigullio).    

 

https://drive.google.com/file/d/0B44YASJHAWhiRkhsVHE4TGhSaFhiYVFyaVhhZlU0dWpHd2Jv/view?usp=drivesdk

https://drive.google.com/file/d/0B44YASJHAWhiRkhsVHE4TGhSaFhiYVFyaVhhZlU0dWpHd2Jv/view?usp=drivesdk

 

Il bravo Giulio Imberciadori (Frecce Zena) sabato 18 maggio ha realizzato il personale sui 5000 m in 15’15”78 a Monaco di Baviera (Ger), in una gara che è stata vinta da Bjorn Jushka (Bayer Leverkusen) in 15’06”13. Si tratta attualmente della seconda prestazione regionale sulla distanza. Un bel passo in avanti….

Spettacolo trail in Val Borbera, nonostante il maltempo, fra venerdì 17 e sabato 18 maggio, in occasione di “Le porte di Pietra”, gara articolata su più distanze, con molti liguri in evidenza. Al traguardo dei 72 chilometri in luce Andrea Beoldo (Sisport), terzo in 9h10’41” nella gara vinta da Fulvio Dapit (La Sportiva) con 8h11’58”. Quarto Fabio Bidone (Delta), 9h28’41”, seguito al quinto da Luca Stegagnini (Sisport), 9h34’53”, e al settimo da Matteo Zanoni (Delta), 9h45’45”. Fra le donne seconda l’infaticabile Monica D’Urso (Sisport), 1h21’51”. Davide Cavalletti (Sisport) ha colto invece l’argento dopo i 44 chilometri di “Le porte di Pietra” in 4h21’36”. Il primo posto è andato a Davide Cheraz (Sandro Calvesi Aosta) in 4h05’12”. Quarto Gabriele Pace (Cambiaso Risso), 4h36’50”. Sesto Davide Ansaldo (Bergteam), 4h51’18”. Diego Picollo (Maratoneti Genovesi) invece ha vinto dopo i 15 chilometri di “Cabella-Cantalupo” in 1h16’30” ex aequo con Federico Capurro.

 

https://www.wedosport.net/volantino_gara.cfm?gara=50394

 

 

Bronzo di Giordano Musso con 15.41 nel peso sabato 18 maggio nella prima giornata degli Italiani Universitari  su pista che si stanno disputando nel freddo dell’Aquila. E’ il primo piazzamento importante del lanciatore cussino, ed è venuto al termine di una gara molto qualificata, dove si è imposto Sebastiano Bianchetti con un lancio a 19.15. Secondo (per un solo centimetro nei confronti di Giordano!) Emanuele Cavaliere del Cus Venezia con 15.42. E un solo centesimo  ha provato Andrea Delfino del terzo posto sui 400: lo sprinter di Finale Ligure ha chiuso in 48”32, preceduto da Simone Filippo (Cus Napoli) , 48”31. Vittoria di Alessandro Sibilio (Napoli) con un pregevole 46”90. Nei 100 donne bel sesto posto di Elena Arena con 12”25, dopo avere corso in 12”14 in batteria. Settimo nei 5 km di marcia Mattia Braggio con 22'26"25. Nella gara maschile dei 200 m, caratterizzata da un elevato livello, dodicesimi ex aequo Fabio Bongiovanni e Bedlu Foti con 10”97.  

Speriamo che il ragazzo cresca ulteriormente….è la frase che sorge spontanea sabato 18 maggio, perché Gabriele Gaggero (Frecce Zena) si è piazzato al quarto posto come “promessa” (under 23) nel campionato italiano di Chilometri Verticale a Casto (Brescia). Una gara durissima: basti pensare che Gabriele è stato 37° assoluto con 43’45” al termine di una continua ascesa con tratti da “capre” dove era già difficile camminare. Il primo posto è andato all’azzurro Davide Magnini con 35’17”. Gara frequentata da “manici” della specialità….

Venerdì 17 maggio 400 coraggiosi hanno sfidato la pioggia di un gelido maggio in occasione della Stranovi: la vittoria è andata a Diego Scabbio (Novese), che ha preceduto il giovane Valerio Ottoboni, suo consocio, e Diego Picollo dei Maratoneti Genovesi. In campo femminile nessun problema per Claudia Marchisa.

Sabato 18 e domenica 19 maggio la pista dell’Aquila ospita i campionati italiani universitari su pista, tradizionale appuntamento in occasione del quale non poteva mancare una selezione dell’Ateneo genovese. Le maggiori speranze vengono dall’alto maschile, dove gareggia Simone Luminoso, una settimana fa autore di 2.10 ai societari di La Spezia. Spezzina di tesseramento Elena Arena, impegnata su 100 e 200; Andrea Delfino è iscritto su 200 e 400. In gara anche il giovane lanciatore Giordano Musso (peso e disco), mentre nei 1500 uomini ci sarà all’opera Roberto Nicolai. Nell’alto uomini anche una bandiera del Cus Genova come Davide Lingua.

A New York hanno il Miglio della 42° strada, a Acqui Terme il “Miglio della Bollente”, e ci voleva un po' di temperatura alta per sconfiggere il frescolino serale di giovedì 16 maggio. La classifica ha parlato genovese grazie alle imprese di Luca Pari, figlio d’arte, della Cambiaso Risso, e dell’impeccabile Silva Dondero (Maratoneti Genovesi). Di rilievo le prove del formidabile Giuseppe Lombardo, quasi 63 anni, secondo assoluto con i colori dei Maratoneti Genovesi, e di Susanna Scaramucci, sua consocia, quarta assoluta. Si sono segnalati, poi, Diego Michieli, secondo nella M70, Claudio Vassallo e Vito Tummarello, terzi nella M65 e M55, sempre con i colori gialloblu.