Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Marcia del Lazo 2019

La Marcia del Lazo, un durissimo quanto panoramico percorso nel verde di Urbe, ha visto come protagonista assoluto il più volte campione mondiale master Valerio Brignone (Cambiaso Risso), che nei tratti finali è riuscito a precedere Silvano Repetto (Delta Spedizioni), davvero inesauribile. Quindi, nell'ordine, Gabriele Gaggero (Frecce Zena), Marco Caso (Delta), e Alessio Ottonello (Città di Genova). Fra le donne vittoria di Laila Hero (Arcobaleno) davanti a Susanna Scaramucci (Maratoneti Genovesi). 

Universiadi di Napoli

Dall'8 al 13 luglio Napoli ospita i Giochi Mondiali Universitari di atletica. La Liguria ha l'onore di essere rappresentata da due atlete (37 gli azzurri convocati). Si tratta di Luminosa Bogliolo, alassina delle Fiamme Oro, per quanto riguarda i 100 hs (specialità dove è capofila attualmente in Italia), e Eleonora Ferrero del Cus Genova per quanto riguarda l'eptathlon.

Chi era Steve Prefontaine?

Domenica 30 giugno a Stanford (Usa), Filippo Tortu fa la sua prima comparsa negli States in occasione del Prefontaine Classic. Ma chi era Steve Prefontaine? "Pre", come è noto nel mondo del running, è ancora un mito. Con uno stile irruente di correre (subito in testa a dettare il ritmo e a cercare di stroncare tutti gli altri) si guadagnò una fama quasi eterna presso tutti gli appassionati. Fu capace del record americano dei 5000 (13'30"4) negli anni settanta. "Ecco che passa Steve, il ragazzo che corre sempre", commentava la gente dell'Oregon. E Prefontaine correva forte anche nella finale dei 5000 m all'Olimpiade di Monaco di Baviera, settembre del 1972.E' lui a infiammare gli spalti quando, con un penultimo giro in sessanta secondi, si presenta primo alla campana. Dietro di lui, il belga Puttemans, il finlandese Viren, il tunisino Gammoudi. E Steve è ancora in testa a 300 m dalla fine, ma l'incurvarsi della sua schiena è come un presentimento. A 200 m dal traguardo Lasse Viren lo sorpassa insieme con Gammoudi. Steve sembra in possesso del terzo posto, ma a dieci metri dalla fine lo sorpassa l'inglese Ian Stewart. Medaglia di legno! Il mito del "magnifico perdente", del corridore incapace di calcoli, lo rende un eroe. Fino al triste epilogo del 30 maggio 1975, quando "Pre" muore in incidente stradale. Finisce una vita, inizia un altro mito, quello del "re corridore".   

8'23"07 sui 3000 di Andrea Ghia a Nembro

Venerdì 28 giugno Andrea Ghia del Cus Genova è stato autore di una bella gara chiudendo in 8'23"07, personale stagionale, i 3000 m del 23° Meeting Internazionale Città di Nembro. Gara durissima, con passaggio proibitivo di 2'42" al primo mille del gruppo di testa comprendente, fra gli altri, il maratoneta norvegese Sondre Moen. Alla fine la vittoria è andata al sudafricano Jerry Mustav (7'55"84) davanti al connazionale Ryan Mphahlele (7'56"66).Tanto per dare un'idea del livello della gara, Moen, con 8'01"18 è stato quinto: Ghia è sttao 17° con un tempo di 8'23"07, come detto, che sa di ottima condizione dopo un inverno non facile. Ad ora si tratta anche della migliore prestazione ligure. 

Biscuola seconda a Nembro

Nel 23° Meeting Internazionale di Nembro (Bergamo) Stefania Biscuola (Arcobaleno) ha colto il secondo posto negli 800 m in 2'06"78 cedendo di poco nei confronti della quotata Serena Troiani (Cus Pro Patria Milano), 2'06"02. Si tratta del personale stagionale per la tenace mezzofondista biellese.

Minitrail Biscione 2019

"Ho spinto subito in salita. Ho preso un buon distacco e l'ho mantenuto. Il percorso mi è piaciuto, con i tratti sterrati". Questo il laconico commento di Hicham El Jaoui del Delta, che venerdì 28 giugno è riuscito a vincere il Minitrail del Biscione, organizzato dagli Zena Runners con indubbio successo (200 partenti).Alle sue spalle è stato secondo Fabio Del Buono della Podistica Peralto, runner emergente. Fra le donne assolo di Silva Dondero (Maratoneti Genovesi) davanti a Valentina Martorella (Team 42.195), Liliana Paganini (Città di Genova), Benedetta Balostro (Maratoneti) e Silvia Bolognesi (Cambiaso Risso). Fra l'altro, Hicham ha fatto l'accoppiata Giro del Biscione-Minitrail..... 

 

http://www.zenarunners.it/iscrizionebiscione/MINITRAIL_DEL_BISCIONE_28_06_2019_COMPLETA.htm

 

Classifica finale Val di Fassa running 2019

Il burundiano Celestine Nihorimbere ha vinto in 3h33'46" la Val di Fassa running, una cinque giorni a tappe nello scenario incantevole delle Alpi bellunesi dal 23 al 28 giugno. Primo ligure al traguardo Khalid Ghallab (Città di Genova), sesto in 3h51'34" seguito nell'ordine da Lorenzo Conterno (Delta Spedizioni), 26° in 4h18'40", Riccardo Prometti (Zena Runners), 36° in 4h30'40", e dai consoci Stefano Segalerba, 37° in 4h31'21", e Raimondo Marchesin, 50° in 4h41'04". Fra le donne successo dell'etiope Addisalem Tegegn (Brugnera) in 4h00'17". Quarta Viviana Rudasso (Città di Genova), 4h20'14".

 http://www.valdifassarunning.it/it-it/lagara/classifichegara.aspx

 

Comunicato stampa Queirolo 2019

Venerdì 28 giugno 20198

 

Mancano due giorni alla "Corsa di Fede - 14° Memorial Federico Queirolo".

 

Domenica 30 giugno alle 9, infatti, partirà la quattordicesima edizione del memorial nato per ricordare l’atleta e amico Federico Queirolo, mancato prematuramente all’affetto dei suoi cari nel luglio 2005. La corsa ripercorrerà uno dei (tanti) luoghi dove Federico amava correre.

 

Per la quinta volta la manifestazione si correrà a Genova Apparizione per arrivare sul Monte Moro.

 

Si tratta di un percorso di 5,4 km circa tutto su terreno asfaltato che darà la possibilità ai partecipanti di correre gustando i paesaggi mozzafiato delle alture genovesi.

 

La manifestazione è patrocinata dal Municipio IX Levante di Genova ed è classificata competitiva UISP e fa parte del “Grand Prix UISP 2019".

 

Potranno partecipare tutti coloro che il giorno della manifestazione abbiano compiuto i 18 anni di età e siano tesserati FIDAL o ad Enti di Promozione sportiva o gli atleti non tesserati ma in possesso del certificato di idoneità sportiva all’attività agonistica in corso di validità (consegnandone copia in sede di iscrizione).

 

Sono previsti ricchi premi, sia per i primi tre atleti assoluti che i primi tre di categorie per fasce di età maschili e femminili.

 

Il pacco gara prevede per i primi 100 iscritti un cappellino (v. allegato) ed a seguire prodotti alimentari.

 

La quota d’iscrizione - in deroga a quanto indicato nel volantino - ENTRO SABATO 29 GIUGNO è 9 euro.

 

Ci sarà la possibilità di iscriversi anche IL GIORNO STESSO DELLA GARA entro le 8.45  al costo di 10 euro.

 

SI CONSIGLIA VIVAMENTE LA PREISCRIZIONE TRAMITE IL LINK NEL VOLANTINO: basterà indicare solo cognome, nome, anno di nascita, società e codice fiscale.

 

Per ulteriori informazioni: Roberto Porro (347-90466941) o Paolo Porro (349-1029778).

 

In allegato il volantino, altimetria e mappa del percorso.
 
E link al sito della gara: http://memorialqueirolo.blogspot.it/

 

Vi preghiamo di diffondere questa e-mail ai vostri tesserati e nei vostri siti e gruppi Facebook.

 

Vi aspettiamo numerosi!

 

Meeting di Nembro 2019

Diversi atleti liguri di indubbio valore prendono parte, venerdì 28 giugno, al 23° Meeting di Nembro (Bergamo), tradizionale riunione organizzata dall’Atletica Saletti. Nei 3000 uomini spicca la presenza del norvegese Sondre Norstad Moen, capace di 7’52” sulla distanza, ma soprattutto di essere il secondo europeo di tutti i tempi in maratona. Sarà punto di riferimento importante per Andrea Ghia del Cus Genova. Negli 800 donne risulta iscritta la forte Stefania Biscuola (Arcobaleno), mezzofondista sempre costante in quanto a rendimento. La riunione vedrà anche Andrea Delfino e Fabio Bongiovanni del Cus sui 200, e la rientrante Carla Schwarz nei 100 hs.

I 50 anni di Fabrizio Mori

Oggi, 28 giugno 1969, Fabrizio Mori compie 50 anni. Mezzo secolo nel quale il campione livornese ha scritto la storia dei 400 hs in Italia (e non solo). Oltre al record italiano (47"54 ottenuto a Edmonton, Canada, nel 2001) sono sue le migliori 24 prestazioni italiane.Il che fa capire quanto Fabrizio ha dato alla specialità in Italia rivitalizzandola insieme con il figlio d'arte Laurent Ottoz dopo i fati antichi di Frinolli e Morale. Con una tattica ben precisa: recuperi straordinari negli ultimi cento metri, quando i favoriti iniziavano a avere la vista offuscata in una gara che non dava scampo.A Siviglia  (Mondiali del 1999) chi ne fa le spese è il francese Stephan Diagana, risucchiato dal rush finale di Fabrizio sulle ultime barriere. I francesi sporgono reclamo per invasione di corsia, Fabrizio deve aspettare il verdetto ufficiale a tarda ora, insieme con l'allora presidente Gola e qualche giornalista. Festeggia con una lattina di coca cola......Tutti, da Diagana all'ucraino Tverdokleb devono fare i conti con l'ultimo rettilineo che esallta la volata del toscano. A Edmonton, Mondiali 2001, per un soffio non gli riesce il secondo titolo iridato consecutivo: il dominicano Felix Sanchez resiste strenuamente in 47"49, lui è argento in 47"54. "I 400 hs? Una partita a scacchi", mi disse una volta in intervista, Grazie , Fabrizio, per quello che hai fatto...

Stracollinando Ricaldonese 2019

Tenendo fede al suo nome da scioglilingua (Stracollinando Ricaldonese), la notturna di Ricaldone (Al) giovedì 27 giugno ha reso torride le prestazioni degli atleti in gara (36°C alla partenza). I liguri hanno visto Iris Baretto (Trionfo Ligure) in bella evidenza: la giovane trionfina ha trionfato (scusate il bisticcio di parole) davanti a Maria Luisa Marchese (Novese). Quarta l'eterna Susanna Scaramucci (Maratoneti Genovesi). In campo maschile primo posto senza problemi per Andrea Seppi (Atletica Trieste). Vittoria di categoria per Bartolomeo Bacigalupo (Maratoneti Genovesi). Nella categoria femminile oltre i 55 secondo posto di Anna Brizioli (Maratoneti Genovesi).  

Login