Vola sempre più lontano il martello scagliato da Davide Costa: domenica 3 marzo a Pisa il lanciatore del Cus Genova ha ottenuto il nuovo limite regionale allievi (attrezzo da 5 kg) con 68.39, quasi tre metri in più rispetto al vecchio limite ligure (65.96). “Coach” Valter Superina è soddisfatto: “Ottenere una misura del genere in un periodo come questo significa essere già a buon punto per  la stagione outdoor”. Puntiamo ai settanta metri. Davide è in costante progresso…..

Qual è il segreto di Silvia Bolognesi? Forse la tranquillità, abbinata a una resistenza fuor del comune. Domenica 3 marzo la longilinea veterana genovese della Cambiaso Risso si è messa al petto un altro scudetto tricolore di una carriera master davvero esemplare: ha conquistato il primo posto della categoria F65  nei tre chilometri del campionato italiano di cross a San Sperate (Cagliari). Silvia ha chiuso in 13’11” con quasi un minuto di vantaggio nei confronti della lombarda Maria Grazia Boesi (Atletica paratico), 14’09”. Una bella soddisfazione, dopo la migliore prestazione nazionale di categoria sulla mezza maratona ottenuta solo una settimana fa a Massa Carrara…..

Achille Faranda (Brancaleone Asti) e Silva Dondero (Maratoneti Genovesi) hanno vinto domenica 3 marzo “Una corsa per la vita” a Arenzano, corsa su strada organizzata da anni ai fini di beneficenza. In campo maschile la gara è stata appassionante, con la fuga iniziale del triathleta Luca Schiasselloni (Delta), che ha preso un vantaggio consistente nel tratto in pianura. A un certo punto Schiasselloni ha sbagliato strada, a sua detta, in un punto non segnato . Su di lui sono rientrati Faranda , Alessio Sicco  (Città di Genova), e Maurizio Tumminia (Delta), che lo hanno aspettato, e poi  si sono disputati la volata chiudendo nell’ordine. In campo femminile nessun problema per Silva Dondero dei Maratoneti, prima davanti a Laila Hero (Arcobaleno). 119 i partenti.

Allegati:
Scarica questo file (31^ UNA CORSA PER LA VITA.xls)31^ UNA CORSA PER LA VITA.xls[ ]101 kB

Pur quasi uguagliando, con 8”11, il record personale, e quindi esprimendosi al massimo (tanto per dare un’idea: dietro gli è finita una fuoriclasse come la bielorussa Alina Talay) Luminosa Bogliolo , alassina per tanti anni del Cus Genova, e quindi adesso accasata in Fiamme Oro, non ce l’ha fatta domenica 3 marzo a accedere alla prestigiosa finale sui 60 ostacoli degli Euroindoor di Glasgow. Luminosa è stata quinta in 8”11 nella prima semifinale, vinta dall’ungherese Kozak in 7”97 (record nazionale). L’alassina  dopo i primi ostacoli è entrata subito nell’atmosfera della gara affiancando atlete esperte come l’olandese Visset : l’adrenalina della competizione , in settima corsia, le fa superare la paura per il piccolo risentimento muscolare del giorno prima.. Il tuffo sul traguardo: vince la magiara Lucia Kozak in 7”97, record nazionale. La gioia dell’ungherese dura poco, perché Lucia accusa uno strappo e viene portata in infermeria. Seconda è l’olandese Visset (7”99). Quarta la finnica Reetta Hurske (8”07) davanti a Luminosa (8”11). Scaramnticamente, dopo la gara la Hurske e Bogliolo davanti alla Tv tengono in mano il gadget “tickets for final”. L’attesa snervante è per la seconda semifinale. Ma vanno tutte mediamente più forti e “Lumi” non è ripescata. Risulta decima nel computo finale. Nulla da dire, comunque: l’impresa sarebbe stata fantastica, razionalmente difficilissima. Lei, ancora una volta, ha combattuto sino alla fine.

Giuseppe Lombardo (qui nella foto ritratto con la vecchia roccia Giuseppe Ottaviani, 103 anni) ha salutato la stagione indoor con un nuovo record regionale: 8.57 metri nel triplo M60 a Saronno (Varese).Il tutto sabato 2 marzo nel corso di una riunione regionale.

Con un’altra grande prestazione sabato 2 marzo a Glasgow (Gran Bretagna) Luminosa Bogliolo è giunta terza con 8”15 nella propria batteria dei 60 hs agli Euroindoor accedendo alla semifinale in programma domenica 3. La forte specialista alassina è partita in quarta corsia, fra due grandi interpreti come la bielorussa Elvira Herman e la polacca Siciarz. Pur non partendo bene, l’azzurra a metà gara ha quasi affiancato le agguerrite rivali chiudendo al terzo posto in 8”15, misura cronometrica vicina al record personale. Vittoria di Herman (Bielorussia), 82!1, davanti alla polacca Siciarz, 8”13. Missione compiuta con grande efficacia e personalità: peccato solo che Luminosa si sia un po' scomposta negli ultimi metri, dando l’impressione di un acciacco. Naturalmente speriamo di essere smentiti e di vederla in corsia nella semifinale di domenica….

DOMENICA 10 MARZO IL 37° GIRO ACQUEDOTTO

“ I sentieri di marzo si riempiono di nuovi colori”, parafrasando Lucio Battisti è anche questo il messaggio di una delle più antiche corse su strada in Liguria, che domenica 10 marzo compie 37 anni. Il Giro dell’Acquedotto , organizzato come sempre dalla Gau di Struppa della dinamicissima Giulia Merlano, è una gara agonistica e anche un tuffo nella natura di quella Valbisagno a misura d’uomo fatta di muri a secco, archi di origini romane, stradine vicino a case coloniche ben curate e macchia mediterranea. Tutto quello che fa l’Acquedotto genovese un’eccellenza paesaggistica e architettonica. Gara affascinante, che riscuote da sempre un bel successo: domenica 10 marzo il ritrovo è previsto alle 9 in piazza Suppini; la partenza avverrà alle 9.30. Si prevede un ricco montepremi a base di premi in natura ai primi tre uomini e donne, nonché ai primi tre classificati (uomini e donne) delle categorie d’età (nove maschili e cinque femminili). A tutti gli iscritti ricco pacco gara. In contemporanea è prevista la camminata ludico- motoria aperta a tutti. Le quote di iscrizione saranno di otto euro per la prova agonistica (valida anche come Gran Prix Uisp) e sei per la camminata. Per iscrizioni e informazioni scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare alla Gau 010/802344.

 

Danilo Mazzone-Addetto  Stampa sezione podismo Gau Struppa

SABATO 1 GIUGNO I CAMPIONATI ITALIANI MASTER 10 KM STRADA A GENOVA

Una grande festa di sport offerta ai runners e alla Città. Sabato 1 giugno si disputerà a Genova il Campionato italiano master di dieci chilometri su strada. Da sempre corso Italia è la “promenade”, la passeggiata per antonomasia dei genovesi.  Nelle belle giornate, in qualsiasi stagione, lo sguardo spazia verso il blu del Mar Ligure, verso l’inconfondibile sagoma del Promontorio di Portofino da una parte, verso la Riviera di Ponente dall’altra. A metà strada palazzi in stile liberty rendono l’atmosfera particolare, unica .Da almeno trent’anni, complice il boom del podismo, il signorile lungomare  è diventato anche promenade podistica: le ridotte pendenze (cosa rara a Genova) rendono il percorso anche interessante dal punto di vista tecnico. Sarà un circuito di tre giri a coinvolgere tantissimi partecipanti provenienti da tutta Italia a partire dai 35 anni, “anime” di quel movimento sportivo che vivifica le domeniche on the road. Per venire incontro alle loro esigenze, il Comitato organizzatore, in collaborazione con la Fidal ligure, ha predisposto un pacchetto comprendente, all’atto dell’iscrizione, parcheggi gratis in piazzale Kennedy, ingessi ai musei cittadini e mezzi amt gratis, convenzioni turistiche e tanti premi in eccellenze del territorio. Ci si può iscrivere presso il negozio Genova Running e, dal 1 marzo, presso la piattaforma  www.10kgenovatricolore.it 

A questo punto la domanda è d’obbligo: “Cosa aspettate?”

Danilo Mazzone- Addetto Stampa

Sarà durissima la concorrenza dei 60 ostacoli donne sabato 2 marzo in quel di Glasgow (Gran Bretagna, Scozia), dove Luminosa Bogliolo disputa la batteria eliminatoria degli Europei indoor. Nella città dell’”Old firm” (il derby calcistico più antico al mondo: Celtic vs Rangers) la cussina si presenta forte di 8”10, record personale nonché sesta prestazione all time italiana. Ebbene, “Lumi” dovrà superarsi per accedere ,domenica 3, alla semifinale. In una graduatoria europea che, in quanto a qualità, è molto mondiale, dove troviamo le inavvicinabili tedesche Pamela Dutkiewicz (7”89) e Cindy Roleder  (7”91), quindi, al quinto posto, la bielorussa Alina Talay (7”96), che cerca un tris di vittorie prestigioso, fino alla finnica Reetta Hurske, che chiude, in ottava posizione, la serie delle atlete sotto gli otto secondi. Con 8”10 la Bogliolo è 19° in Europa. La studentessa in Veterinaria, però, è una grande agonista, avendo dimostrato, in altri meeting esteri, di essere alla pari con concorrenti , sulla carta, più forti. E allora forza Lumi!

150 piccoli crossisti domenica 24 febbraio  hanno rallegrato l’atmosfera del Parco Comunale di Lavagna (Ge), dove si sono disputati i campionati societari provinciali giovanili di corsa campestre.Tra i cadetti grande lotta fra nomi che si sono messi già in evidenza a livello nazionale, e primo posto di Abdi Bambi (Don Bosco). Fra le cadette vinceva la verve della marciatrice Viola Vernetti (Città di Genova). Di seguito riportiamo i migliori classificati con la graduatoria di società. Categorie maschili- Cadetti: 1° Bambi (Don Bosco); 2° Zampiga (Città di Genova); 3° Basalto (Atletica Levante). Società: 1° Città di Genova. Ragazzi: 1° Cereghino (Levante); 2° De Pao0li (OLevante); 3° Lila (Levante). Società: 1° Don Bosco. Esordienti 10: 1° Tarducci (Città di Genova). Esordienti 8: 1° Tiby (Cus Genova). Esordienti 6: Nattero (Levante). Società: 1° Città di Genova. Categorie femminili- Cadette: 1° Vernetti (Città di Genova); 2° Ierardi (Città di Genova); 3° Tilocca (Cus). Società: 1° Cffs Cogoleto. Ragazze: 1° Artesi (Cus); 2° Okojie (Trionfo Ligure); 3° Stellato (Levante). Società: 1° Atletica Levante. Esordienti 10: 1° Ferrari (Cus). Esordienti 8: 1° Scaramuccia (Don Bosco). Esordienti 6: 1° Meloni (Run Finale Ligure). Società: 1° Cus Genova.

Allegati:
Scarica questo file (Cross Lavagna 2019 Risultati.xls)Cross Lavagna 2019 Risultati.xls[ ]164 kB

Andrea Giorgianni (Delta Spedizioni) domenica 24 febbraio si è piazzato al terzo posto ( e primo italiano) sulla distanza dei 21,096 chilometri in occasione della White Marble Marathon di Carrara. Giorgianni ha chiuso in 1h14’26” nella gara vinta a gran ritmo (1h02’43”) dal keniano Paul Tiongik. Davide Pruno (Arci Favaro) è stato nono in 1h19’16”; Paolo Liotta (Zena Runners) 20° in 1h20’34”. In campo femminile successo della keniana Lenah Jerotich in 1h15’28” e quarto posto di Silvia Bolognesi (Cambiaso Risso), con la prestazione eccezionale di 1h33’50” che le vale la migliore prestazione italiana della categoria F65. Davvero una grande giornata per la veterana genovese. Ottava Rosa Broggi (Cus Genova), 1h37’25”.  Nella maratona successo di Youssef Aich in 2h24’35”. Fra le donne sesta Sonia Ceretto (Maratoneti Tigullio) con 3h26’08”, venti secondi davanti a Paola Corini (Bio Correndo).