“Gran belle sensazioni- commenta a caldo Silvano Repetto- quando, al giro di boa, ho capito di stare bene, ho insistito e quei 40 m di vantaggio si sono trasformati in un vantaggio decisivo. All’ultimo chilometro non ho capito più niente. Ero quasi commosso”. I dieci chilometri della “Varazze di sera”, disputata venerdì 24 maggio, sono stati un’apoteosi per il ragazzo della Val Polcevera, un premio per un runner serio che trova il tempo di allenarsi dopo otto ore di lavoro. L’alfiere del Delta Spedizioni ha sferrato l’attacco poco dopo la metà gara, staccando sul ritmo , nell’ordine, Fabio Del Buono, Giovanni Tornielli e Giuseppe Pace della Podistica Peralto. Quinto Alessio Ottonello del Città di Genova. Fra le donne successo della rinata Elisabetta Ottonello (Cus Genova), qualche anno fa azzurrina di cross.Alle sue spalle Emanuela Massa (Cambiaso Risso), Laila Hero (Arcobaleno), e Tiziana Timossi (Città di Genova).

www.ficr.it</span></p> <p><span style="font-size: 12.16px;"> 

 

Eccola finalmente! Luminosa Bogliolo, un’eccellenza dello sport ligure (e non solo) fa l’esordio sui 100 ostacoli sabato 25 maggio nel Trofeo Bracco a Cinisello Balsamo (Mi). L’alassina qualche mese fa è passata alle Fiamme Oro, acquisendo così uno status da professionista.Allenata dal binomio Antonio Dotti (a Torino)-Ezio Madonia (a Albenga) , “Lumi” è stata semifinalista ai recenti Europei indoor (a un soffio dalla finale) iniziando così in maniera positiva il 2019 dopo un 2018 da incorniciare: argento ai Giochi del Mediterraneo, titolo italiano tricolore, 12”99 a Savona. Proprio a Savona luminosa gareggerà mercoledì 30 maggio, in una riunione che promette scintille. Speriamo di scrivere già qualcosa di positivo domani….

"Una cornice stupenda, una delle migliori giornate della mia vita", sono le parole di Filippo Tortu dopo l'impresa di Rieti (Fast Web Cup) di venerdì 24 maggio. Filippo, pur partendo non bene, nella finale ha recuperato metri al canadese Brown per vincere in 9"97, e peccato che questo non possa essere omologato come record italiano per il vento oltre la norma (2.4 metri al secondo). Un fenomeno: Filippo aveva corso in 10"08 (sempre a favore di vento) in batteria.Ci sono tutte le prospettive per un grande Mondiale fra qualche mese...

Non è arrivato il record italiano, comunque Davide Re venerdì  24 maggio ha dominato i 400 della Fastweb Cup di Rieti con 45”51. C’era tanta tensione sul campo “Guidobaldi”,m sede abituale del ragazzo cresciuto nella Maurina Imperia e poi approdato alle Fiamme Gialle. Due false partenze potevano avere tolto qualche energia nervosa al campione in carica dei Giochi del Mediterraneo…Invece no. Dopo la partenza sparata dell’eterna promessa Andre Howe, Davide ha affiancato lui e lo sloveno Luka Janezic (accreditato di 44”84) e si è presentato sull’ultimo rettilineo nettamente al comando. In assoluto vantaggio, ha chiuso in 45”53. L’appuntamento con il record italiano è stato rimandato, ma la “prima assoluta” è andata molto bene….  V

Sabato 25 e domenica 26 maggio Mantova ospita i campionati italiani promesse e juniores di prove multiple, una sorta di “fatiche d’Ercole” che vedranno in pista due liguri a caccia di grandi prestazioni. Sara Chiaratti (Trionfo Ligure) è un grande talento: più volte convocata ai raduni della nazionale, disputerà il campionato italiano juniores nell’eptathlon. Quest’anno si è affermata negli italiani indoor  di categoria e quindi parte in pole position. L’allieva di Angelo Gazzo ha dalla sua molta classe e un’eccelsa versatilità. Fra le seniores occhio alla primatista regionale Eleonora Ferrero del Cus Genova, seguita da Eugenio Paolino: vanta una  bella tradizione di vittorie e maglie azzurre.

Quattro medaglie di bronzo olimpiche, sette medaglie ai Mondiali, cinque podi ai mondiali giovanili e addirittura 52 piazzamenti nei vari campionati continentali:sfidiamo  chiunque a avere tale “profondità” in un meeting, non a caso promosso come Area Permit Meeting Eaa. Un altro grande nome è il giavellottista ceco Vitezsalv Vesely, 88.34 di personale, titolo mondiale centrato a Mosca 2013 e oro agli Europei di Helsinki 2012.Con lui, stimolati a dare il massimo, gli azzurri Mauro Fraresso, Roberto Bertolini e Norbert Bonvecchio. Poi, ecco un altro sprinter dell’esclusivo club under 20 secondi: è il canadese Brendon Rodney, 19”96 di personale, bronzo nella 4x100 all’Olimpiade di Rio. Interessanti anche gli 800 m, dove gareggia il bosniaco  Abedin Mujezinovic. Sarà molto bello vederlo competere con il giovane Simone Barontini, campione italiano indoor.

Quella di venerdì 24 maggio potrebbe essere la grande giornata di Davide Re, lo sprinter imperiese di nascita e di rudimenti dell’atletica, che gareggia nel Meeting di Rieti con un granbe obiettivo: realizzare il nuovo record italiano sul giro di pista (45”16 di Matteo Galvan realizzato nel 2016) e, magari, essere il primo azzurro a scendere sotti i 45”00. Davide si è visto in grande forma nella 4x400 mista delle World Relays di Yokohama (Giappone), dove, in fase lanciata, è stato cronometrato in 44”16. Trova nel “giro dellamorte” lo spagnolo Bruno Hortelano, campione europeo 2016, e lo sloveno Luka Janezic.

Bella prova di Andrea Del Sarto (Duferco) che, mercoledì 22 maggio, si è imposto sui 1500 m del Memorial Goldoni-Benetti (pista) a Modena, vincendo nettamente in 3’54”10, personale stagionale. Dietro di lui, buone prove dei genovesi presenti: lo junior Matteo Guelfo (Trionfo Ligure) è giunto nono in 4’00”96; 11° il consocio Andrea Torre, 4’04”29, poco davanti a Carlo Pogliani (Cambiaso Risso), 4’04”75. Tredicesimo un altro junior, Paolo Bonazzi (Duferco), 4’05”41. Nella seconda serie Lorenzo Corsolini (Trionfo) è stato quinto in 4’15”29.

47° TRAVERSATA VALBISAGNO

Se i chilometri previsti fossero pari agli anni della sua storia mitica, non basterebbe una maratona…parliamo della Traversata della Valbisagno, che sabato 15 giugno giungerà alla 47° edizione. 47 anni nei quali la corsa, pur assumendo il look di una competizione per runner perfettamente al passo con i tempi, ha osservato l’impronta originaria. Quella della Gau (Giovani Amici Uniti) è una kermesse , una festa del podismo che inizia nell’austerità e nella freddezza architettonica del centro città (Corte Lambruschini),  per arrivare al traguardo dei 10,3 chilometri in un ‘atmosfera di sagra rionale, con un’aria vintage che conquista  tutti, dal semplice “tapascione” al mezzofondista evoluto. Non a caso , scorrendo l’albo d’oro, si leggono i nomi di tanti protagonisti dell’atletica ligure e italiana: Marciano Penone, Marco Pari, la plurivincitrice Emma Quaglia, Elena Riva, Armando Sanna, Andrea Bifulco. Una chicca? Nel 1988 prese parte alla manifestazione la cinese Donna Ching, anticipando così il boom delle  atlete dell’Estremo Oriente che, di  lì a poco, avrebbero stabilito record mondiali a go go.Dal 1973 (vittoria di Vittorio Medica), correre ai primi di giugno, a Genova, significa correre la “Valby”, sotto le stelle, sfrecciando in una valle che, per una sera, non dà spazio alle automobili, ma solo all’antica passione della corsa su strada. E tutti, nessuno escluso, all’arrivo vengono accolti dal calore e dall’entusiasmo di un quartiere per l’occasione vestito a festa. E allora, “save the date”! Sabato 15 giugno, partenza ore 20.30 da Corte Lambruschini! 

Danilo Mazzone- Addetto Stampa

Il sanremese Luca Olivero (Foce), noto anche come consigliere regionale Fidal, domenica 19 maggio ha sfiorato il podio nella Dieci Chilometri “Ronde des Plages”  di Mentone (Francia). Un diecimila su strada con parecchi saliscendi, al termine dei quali si è imposto Said Edrissi in 32’23”. Olivero è stato quarto in 34’01”. Bene anche il veterano Antonino Bonifacio, decimo in 34’52”, e Alessandro Castagnino (Foce), 34’59”.