Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Test di Brusaporto

Indicazioni positive per gli azzurrini impegnati, sabato 20 giugno, nel Test Allenamento Certificato di Brusaporto, cittadina nel bergamasco. L'iniziativa è stata anche un segnale di ripresa in una terra martoriata dal Coronavirus. Edoardo Scotti ha fatto suoi i 300 in 32"98, mentre Vladimir Aceti  ha fatto segnare 33"30. Altra sfida fra i due suoi 150: qui si inverte la graduatoria (ufficiosa) con 16"10 per Vladimir e 16"14 per Edoardo, ma il crono migliore è della novità Chituru Alli (Cus Como) con 15"80. Nei 150 ritorna alle gare la campionessa europea Under 20 Vittoria Fontana (Carabinieri), prima in 17"4 manuale. Il che, sopo un intervento chirurgico, non è affatto male...

2.25 di Tamberi a Formia

Continuiamo a informare, anzi a inFORMIAre...nella cittadina laziale 2.25 di Gianmarco Tamberi in occasione del test di allenamento certificato degli azzurri. Gianmarco , poi, ha provato 2.30 ma non è riuscito a valicare l'asticella. Un buon rientro per il saltatore in alto, che ha rivolto un pensiero a Alex Zanardi. Il tutto sabato 20 giugno, data importate in tutta Italia per la ripresa su pista dopo il  lockdown.

Bogliolo in forma a Formia!

 

 
What do you want to do ?
New mail

Luminosa Bogliolo in forma a Formia! Scusate il gioco di parole, ma miglior testo controllato non poteva esserci per l'alassina Luminosa Bogliolo. L'alassina delle Fiamme Oro ha corso sabato 20 giugno i 100 in 11"94 (record personale) davanti a Kinda Guizzetti, 11"98, e a Desola Oki, 12"48. Un crono davvero confortante...

 
What do you want to do ?
New mail

Una foto-una storia: dualismi e oltre

Negli anni ottanta, al dualismo Sebastian Coe-Steve Ovett , su 800 e 1500, si aggiunsero il ...terzo e quarto incomodi. Il terzo fu un altro inglese, Steve Cram, capace di realizzare , nella magica serata di Nizza il 16 luglio 1985 , il mondiale dei 1500 con 3'29"69. Quel giorno trovò sulla sua strada un concorrente ostico come il marocchino Said Aouita, secondo per pochissimo, 3'29"71. Nella foto Cram vince a Helsinki il mondiale dei 1500 questa volta con andamento tattico: prevale in 3'41"59 davanti all'americano Steve Scott, 3'41"87, e a Aouita, 3'42"02. Quarto è Ovett (3'42"34). Un passaggio di consegne...

20 giugno 1993 Aouita

Il 20 giugno 1993 a Hengelo (Olanda) un grandissimo del mezzofondo come Said Aouita, a 34 anni, trova ancora motivazioni e forza per imporsi su un 1500 m: conquista il primo posto nel celebre Meeting internazionale di Hengelo (Olanda) con 3'37"60 davanti al belga Cortjens (3'37"73) e all'ex tedesco est Jens Peter Herold, sempre un brutto cliente in volata, 3'37"75. Una volta tanto in un 10000 m domina uno spagnolo: è Antonio Serrano, 27'47"33. Nei 3000 si esalta un'altra atleta di grande classe come l'irlandese Sonia O'Sullivan, prima con 8'33"40; un pò di gloria per le azzurre: Roberta Brunet è quarta con 8'47"92. Ottava maria Guida (8'58"35).

Riparte la corsa in montagna dalla Puglia

Ed eccoci alla ripartenza della corsa in montagna dopo il periodo di lockdown: domenica 28 giugno nel Salento, terra calcarea ricca di bellezze naturali, di disputa il Trofeo Ciolo, manifestazione nazionale a circuito (4.5 chilometri da ripetere). Non è una "prima assoluta", visto che la cittadina in provincia di Lecce ospitò una tappa del circuito mondiale e la rassegna iridata master. Una grande gara che va al sud...

Amarcord Liguria-La corsa dei falò

Parafrasando Cesare Pavese, si poteva definire il Trofeo Barbini come "La corsa dei Falò". In occasione della festività di San Giovanni, patrono di Genova, si organizzò negli anni ottanta una corsa su strada di 9.5 chilometri , un circuito sulle due sponde del Bisagno con partenza e arrivo nel quartiere di Staglieno, in prossimità del Genoa club. I falò venivano preparati sul greto del fiume, e ovviamente riscaldavano l'atmosfera senza che ce ne fosse stato bisogno. La gara ebbe una corta durata (dal 1980 al 1984) ma radunò i migliori specialisti liguri come Mariano Penone (primo nel 1983 e 1984) e Rosolino Damele (primo nel 1981). Ecco la classifica dell'edizione 1984 con la foto dell'arrivo in volata.

Libro "Homo ludens"

Oltre alle specie "Homo erectus" e "Homo abilis" è sempre esistito, fin dai primordi, l'"Homo ludens", perchè l'istinto e la voglia del gioco sono addirittura precedenti alla Civiltà E' la tesi di "Homo Ludens", dello storico olandese Johan Huizinga. Il testo (del 1939, pubblicato in Italia nel 1946) ebbe il coraggio di dimostrare come il gioco, e poi lo sport codificato in regole, facessero parte integrante della cultura. Il gioco è una costante dei comportamenti culturali.

16 anni fa a Eugene, Shawn Crawford supera Maurice Greene

Ogni tanto nell'atletica si hanno delle sorprese. il 19 giugno 2004 nel Prefontaine Classic di Eugene (Usa, Oregon) è il campione olimpico dei 200 Shawn Crawford a superare nei 100 il quasi imbattibile Maurice Greene con uno stellare 9"88. Greene è secondo in 9"93, John Capel terzo in 9"95. Una sfida accesa con tre uomini sotto i 10"00 che accende gli entusiasmi di oltre 12.000 spettatori, accorsi come di consueto a godersi lo spettacolo sugli spalti. E ci sono altre stelle nelle diverse specialità: Inger Miller fa suoi i 100 donne con 11"05. La mozambicana Maria Lourdes Mutola (alla 12esima vittoria consecutiva) si impone sugli 800 con 1'57"78. Il dominicano Felix Sanchez è primo sui 400 hs con 48"12. 

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

Tac di Imola (Bolgna)

Non male la prova dei 100 m uomini , giovedì 18 giugno, inserita nel Tac (Test Allenamento Certificato) di Imola (Bologna). Sulla pista romagnola l'azzurro Diego Pettorossi (Virtus Bologna) ha vinto in 10"62 davanti a Freider Fornasieri (La Fratellanza Modena), 10"79. Risultati ottenuti nella norma (+0.9). Nel disco uomini 43.74 di Gabriele Natali (Virtus Bologna). Nell'ato donne 1.75 della promessa Marta Morara (Atletica Lugo)

 
What do you want to do ?
New mail
 
What do you want to do ?
New mail

I 40 anni di Craig Mottram

Si contano sulle dita di una mano i mezzofondisti che abbiano corso i 5000 m in meno di tredici minuti e che non siano nati su suolo africano. Uno di loro è l'australiano Craig Mottram, che oggi, 18 giugno 2020, compie 40 anni. Nato a Frankston, nello stato di Vittoria (Australia) Craig prima è stato campione nazionale junior di triathlon, poi si è dato all'atletica , stabilendo, nel corso degli anni, i primati dell'Oceania di miglio, 2000, 3000 (personale di 7'34"50) e 5000 (12'55"76). Vanta anche un interessante 27'34"48 sui 10000 m. Craig ha avuto la sfortuna di incrociare in pista mostriu sacri come Farah e Bekele. Ricordiamo il terzo posto sui 5000 m nei Mondiali del 2005. Mezzofondista coriaceo, tenace, nella tradizione "aussie".

Login