Trail del Monte di Portofino, 8 dicembre 2019

Mezza delle Due Perle, 2 febbraio 2020

Breve racconto di Natale- La Metamorfosi

In fondo, vedere Carignano da casa sua sorgere dall’acqua marina come un’isola era un ritorno al passato.Ma non tutti avevano accettato la cosa. A Genova era aumentata la percentuale di suicidi. Dopo 3000 millimetri d’acqua caduti alla settimana, della vecchia morfologia restava ben poco. Certo, era pesante andare a lavorare in traghetto, i biglietti costavano il triplo rispetto alla vecchia, rassicurante terraferma, ma lui si era adattato. Correre? Grasso che colava in tempi del genere. Ma , ancora una volta, ce l’aveva fatta. Scansava metri cubi di fango che piovevano giù dalla collina e trasportavano inesorabilmente , nei flutti, cornicioni, terrazzi, terrapieni.Smottamenti che andavano a provocare onde che, a loro volta, schiantavano i battelli ancorati alla rada di Brignole.Era diventato specialista di guadi improvvisati presso i quali si abbeveravano grossi cinghiali. L’aspetto positivo è che, correndo in salita, la muscolatura si era sviluppata in maniera ipertrofica. Ma era l’unico modo per sfuggire all’ erosione che, inesorabile, scalzava la base dei vecchi palazzi del centro, le cui sommità emergevano beffardamente da acque limacciose. Quel giorno, in villa Gruber, si accorse che aveva dimezzato addirittura il tempo delle ripetute in salita. Tornò a casa con una sorta di energia incredibile. “C’è qualcosa di strano?”, gli chiese la moglie. “No, assolutamente”, bisbigliò. Prima di andare a letto, notò che le mani iniziavano a assumere un colore verdastro. “Sarà dermatite da stress”, sentenziò. Del resto i terribili eventi meteo che avevano sconvolto Genova si erano fatti sentire. Sognò il padre che si avvicinava a lui ma, prima di abbracciarlo, si ritraeva spaventato. L’incubo lo fece svegliare anticipatamente. Saranno state le cinque del mattino. “Se non si riesce a dormire, meglio alzarsi!”, disse fra sé e sé. Ma, alzandosi, spiccò un balzo tremendo verso il soffitto, spaccando il lampadario con una testata. “Mio Dio!”, urlò la moglie. Era diventato una rana.

""""""""

Login