Sabato 8 giugno Emma Quaglia è giunta 43° in 4h52’35” nei mondiali di trail corto (si fa per dire, 43 chilometri) a Miranda da Corvo (Portogallo). La gara è sempre stata vissuta in testa dalla francese Blandine L’Hirondel, capace, a circa metà gara di accumulare un distacco di circa un minuto sulla connazionale Adene Roche. Emma ha cercato, su un percorso continuamente spezzettato da saliscendi, di attuare una tattica conservativa. Nei primi chilometri la genovese ha mantenuto la 23° posizione, poi ha avuto un momento di difficoltà con il 36° posto a metà gara. Qualche discesa di troppo, soprattutto nel finale, le ha fatto perdere qualche posizione, e la Quaglia ha chiuso al 43° posto finale. I mondiali di trail si sono rivelati competizione di alto livello, con un mix fra specialiste di prove estreme e di corse in montagna. L’alfiera della Cambiaso Risso ha scoperto da poco la specialità e non può che migliorare.Blandine L’Hirondel ha vinto davanti alla neozelandese Ruth Croft, autrice di un prodigioso recupero nel finale ai danni della romena Denisa Dragomir. La veneta Silvia Rampazzo è stata quinta in 4h17’51”. Diciannovesima Barbara Bani con 4h34’11”.