400 atleti in rappresentanza di 51 nazioni. E’ proprio vero che il trail è una specialità emergente nel mondo. Nell’interno di Coimbra, città universitaria per eccellenza del Portogallo, l’Italia donne, con l’apporto di Emma Quaglia, cerca quantomeno un gradino del podio nel Campionato mondiale di trail distanza corta (si fa per dire) a Miranda da Corvo, nella Sierra Louzan. 43 chilometri di saliscendi con arrivo in discesa: le veterane dell’Italia Team, Silvia Rampazzo (terza l’anno scorso) e Gloria Giudici guidano il gruppo forti della loro esperienza. Le concorrenti principali sono un mix quanto mai vario: l’olandaese Ragna Debats ha vinto una manifestazione estrema come la maratona delle Sabbie; le spagnole Laia Canes (argento l’anno scorso) e Arenas sentono il confronto con le rivali portoghesi. Poi c’è la Francia con Adeline Roche, forte nella corsa in montagna, e le inglesi Jo Meek e Charlotte Morgan. Insomma, ci sarà bisogno della classe di Emma Quaglia per arrivare lontano. Partenza ore 8 sabato 8 giugno.Giochiamo i numeri?