Enrico Imberciadori delle Frecce Zena ha vinto il Giro dell’Acquedotto, disputato sul percorso collinare fra Struppa e la Val Canate, che ha avuto circa duecento partenti, nonostante la giornata grigia e qualche goccia di pioggia. Il giovane mezzofondista ha staccato sul ritmo Andrea Giorgianni (Delta Spedizioni) e il marocchino El Jaoui, unici a cercare di contrastarne il passo nelle prime battute. Giorgianni è riuscito a superare negli ultimi chilometri l’atleta africano, che a un certo punto è sembrato avere in mano l’argento. In campo femminile un nome nuovo come Elisa Sammartano della Gau, atleta specializzata nei trail, ha vinto precedendo la giovane pistaiola Heleni patella (Trionfo Ligure) e una veterana come Silvia Bolognesi (Cambaiso Risso). RISULTATI- Uomini: 1° E Imberciadori (Frecce Zena); 2° Giorgianni (Delta Spedizioni); 3° El Jaoui (Marocco). Donne: 1° Sammartano (Gau); 2° Patella (Trionfo Ligure); 3° Bolognesi (Cambiaso Risso); 4° Noceti (Entella Running); 5° Scaramucci (Atletica Varazze9: Società: 1° Maratoneti Genovesi; 2° Cambiaso Risso); 3° Podistica Peralto.

ALBERTONE SECONDO

Edmil Albertone (Città di Genova), dopo una parentesi di qualche acciacco di troppo, sta rientrando in clima agonistico. L’ex ciclocrossista, a suo agio su un percorso accidentato, ha colto l’argento nel cross open di Valpometto di Robbio (Pavia). Solo un atleta locale come Fabio De Angelis (Circuito Running) è riuscito a precedere il generoso mezzofondista del team di Valter Mereta . Al terzo posto l’emergente Ademe Cuneo dell’Atletica Cento Torri Pavia. In campo femminile successo della maratoneta pavese Loretta Giarda.

PICOLLO TERZO. Diego Picollo (Maratoneti Genovesi) questa volta non è riuscito a collezionare l’ennesimo primo posto. “Diego da Arquata”, com’è ormai conosciuto, è comunque riuscito a salire sul podio del Trofeo Edoardo Donà e Michele Podda  di Morano Po (Alessandria). La vittoria è andata a un big del podismo piemontese come Stefano Velatta (Gaglianico Biella), che ha preceduto Alessandro Pisani (Atletica Candelo). Picollo è salito sul podio accusando solo sei secondi da Pisani (29’23” contro 29’17”) dopo 8,5 chilometri. In campo femminile primo posto di Elizabet Garcia (Sange Running).

LAGOMARSINO SESTO

Non demorde certo il veterano di mille gare Giuliano Lagomarsino (Frecce Zena), che si è piazzato al sesto posto nella corsa su strada di Magherno (Pavia). Nonostante i nove chilometri di sterrato che celavano più di un’insidia, l’ex ciclista della Val Fontanabuona si è reso protagonista della solita gara gagliarda. Al primo posto si è piazzato un altro intramontabile come il piemontese Silvio Gambetta.