Il grande caldo domenica 4 agosto si è fatto sentire anche nell’interno di Rezzoaglio, sui sentieri panoramici che attorniano il Lago di Giacopiane, e che portano alla foresta sotto la magnifica cima del Monte Aiona, una specie di Montagna Sacra dei liguri: in 130 , sotto l’organizzazione dei Maratoneti Tigullio, hanno preso parte alla Marcia nella Foresta dell’Aveto. La presenza del marocchino Mohamed Rity, vincitore quest’anno della Mezza di Genova e della Stragenova, ha fatto pensare a una vittoria annunciata, ma il mezzofondista del Delta, al termine di una prima parte di stagione ricca di successi, ha preferito interpretare la corsa in maniera prudente, dopo comunque un inizio veemente. A metà gara è stato il sorprendente piemontese Saverio Bavosio a prendere il comando , seguito a un centinaio di metri dal coraggioso Andrea Giorgianni: in discesa l’alfiere dell’Ata Acqui ha aumentato la velocità, giungendo primo al traguardo in 1h10’59”, non troppo distante dal record della gara dell’azzurro Roberto Porro. Terzo Giorgianni, seguito al terzo posto da Rity. In campo femminile assolo di Sonia Ceretto (Maratoneti Tigullio), che ha vinto in 1h30’50” davanti a Silvia Bolognesi (Cambiaso Risso), una delle veterane più forti d’Europa, e alla determinatissima Liliana Paganini (Città di Genova). Uomini: 1° Bavosio (Ata Acqui) 1h10’59”; 2° Giorgianni (Delta Spedizioni) 1h13’58”; 3° Rity (Delta) 1h17’15”; 4° Parodi (Maratoneti Genovesi); 5° Gadaleta (Entella) ; 6° Cuneo (lib.) . Donne: 1° Ceretto (Maratoneti Tigullio) 1h30’50”; 2° Bolognesi (Cambiaso Risso) 1h34’25”; 3° Paganini (Città di Genova) 1h38’32”; 4° Gili (Delta) 1h43’43”; 5° Mura (Peralto) 1h45’22”.