L'etiope Tesfaye Abera, davanti agli occhi del presidente IAAF Sebastian Coe, ha vinto la 17° Maratona di Dubai (Emirati Arabi) in 2h04'24". Decisivo un allungo a 600 m dal traguardo, con il quale  ha staccato di nove secondi il connazionale Berhanu. L'inizio era stato velocissimo (14'35" ai 5 km, 43'50" ai 15 km, in vantaggio sul mondiale di Dennis Kimetto), quindi c'è stato un calo relativo ( 1h01'36" a metà)e la gara è stata tattica, con sette uomini (sei etiopi) sotto 2h07'00". In campo femminile la vittoria è andata all'etiope Tiefi Tsegaye in 2h19'41" (12° di sempre) dopo un passaggio di 1h10'17" a metà. RISULTATI- Uomini: 1. T Abera (ETI) 2h04'24"; 2. Berhanu (ETI) 2h04'33"; 3. T Mekonnen (ETI) 2h04'46";4. Lemma (ETI) 2h05'16"; 5. Lakew (ETI) 2h05'44"; 6. Woldegiorgis (ETI) 2h06'47"; 7. Kiplimo Kosgei (KEN) 2h06'53". Donne: 1.T  Tsegaye (ETI) 2h19'41"; 2. Beriso (ETI) 2h20'48"; 3. Melkamu (ETI) 2h22'29"; 4. Asefa Kebede (ETI) 2h24'00"; 5. Eshete (ETI) 2h25'36".